Massimo Mallegni, Agnese Pini e lo storico Giordano Bruno Guerri
Massimo Mallegni, Agnese Pini e lo storico Giordano Bruno Guerri

Marina di Pietrasanta (Lucca), 13 luglio 2020 - Colpo di scena all’inaugurazione del Caffè della Versiliana. Il senatore di Forza Italia Massimo Mallegni ha annunciato, a sorpresa, le dimissioni da assessore alla cultura e al turismo del Comune di Pietrasanta. Lo ha fatto davanti ad un folto pubblico nel corso del dibattito moderato dalla direttrice de "La Nazione" Agnese Pini, e che oltre a Mallegni vedeva protagonista anche lo storico Giordano Bruno Guerri. In prima fila ad ascoltare come tutti gli altri l’inedito addio alla giunta c’era anche il sindaco Alberto Giovannetti, con il quale si mormora che il senatore azzurro abbia avuto recentemente più di uno scontro.

"Nella vita, così come in politica, non bisogna fossilizzarci sempre sulle stesse cose - ha spiegato tra lo stupore generale- mi devo occupare di altro, le cose iniziano e finiscono, se non si guarda avanti si finisce col prendere la muffa. Amo James Bond: la differenza è che Brosnan ha interpretato anche altri ruoli, mentre Moore viene ricordato solo per aver fatto quel personaggio". Ma è nella lettera inviata al sindaco, resa nota poco dopo, che si intuisce tensione tra i due. "Non lo faccio per mancanza di entusiasmo, che anzi è sempre maggiore, né perché abbia smesso di credere nei valori che ci hanno unito oltre vent’anni fa - scrive Mallegni -. Anzi, e sono certo lo comprenderai a tempo debito, sono proprio quei valori di lealtà, giustizia e rispetto che mi impongono un passo indietro. Ti auguro buona fortuna, ne avrai bisogno". Spunti interessanti comunque sul vero tema dell’incontro al Caffè, ovvero le prospettive di economia e turismo. Guerri ha sottolineato come gli italiani siano ormai un popolo che subisce tutto e ha paura, mentre il senatore di Forza Italia ha parlato di una crisi conclamata delle vacanze e di una ricaduta drammatica sulle presenze turistiche a causa del Coronavirus.
Remo Santini