Carcere di Sollicciano. Cena di Pasquetta per le guardie penitenziarie (New Press Photo)
Carcere di Sollicciano. Cena di Pasquetta per le guardie penitenziarie (New Press Photo)

Firenze, 15 aprile 2020 - C’è chi scherzosamente è soprannominato ‘Maradona’ e quando segna un gol è festa grande per i suoi. Lui si tira su la maglietta e batte petto contro petto i compagni di squadra esultando. Beh, cosa c’è di strano? Nulla. A parte tre o quattro particolari non proprio trascurabili. Il primo è che siamo a rischio di Covid-19 e i contatti ravvicinati non sono solo irresponsabili, sono proprio vietati per legge. Il secondo, non meno grave, è che questa scena si è ripetuta fin troppe volte nel pomeriggio di Pasquetta. Terzo aspetto è che tutto questo è avvenuto all’interno del carcere di Sollicciano. Sì, lo ripetiamo: dentro il carcere.
L’allegra grigliata di Pasquetta 2020 è stata organizzata da alcune decine di agenti di polizia penitenziaria con relative famiglie. Testimoni parlano della presenza di bambini, ma alcuni agenti negano che siano entrati minori in carcere. Una quarantina di agenti ha giocato a pallone, messo su una gigantesca grigliata con tanto di birre per annaffiare il tutto. La ‘fiesta’ è iniziata nel pomeriggio e verso le 17 stava per cominciare il secondo tempo mentre la brace veniva fatta sfrigolare in attesa delle prelibatezze a scottadito.
Certo , gli agenti dovevano sapere benissimo che tutto questo era ben più che vietato, tanto è vero che due di loro, in divisa, pattugliavano la zona a bordo di una Fiat Brava blu. Non certo per evitare evasioni, al massimo “invasioni di campo”. Nel senso di curiosi che, attirati dal fumo e dal chiasso, lì per lì hanno pensato a una forma di protesta in carcere. Poi hanno sentito le risate, i cin cin delle bottiglie.
"La Nazione" è stata avvertita subito della grigliata in corso nella casa circondariale: una notizia talmente surreale da sembrare uno scherzo. Invece le immagini delle foto scattate dai nostri reporter parlavano da sole. Tutto vero. Un “party“ in piena regola. Dispiace solo di non sapere quanto sia finita esattamente la partita.
Comunque lì per lì le cose sono filate lisce perché l’auto civetta della penitenziaria, con i suoi lampeggianti fissi, ha fatto egregiamente il suo lavoro controllando il perimetro di via Minervini, entrata Legnaia, vecchio ingresso notturno dei detenuti accompagnati. "Area di sicurezza – intimavano – nessuno si può fermare". Il pistolone calibro 9x21 era l’argomento decisivo che consigliava di obbedire senza discutere.
Sul fatto abbiamo chiesto un commento al direttore della casa circondariale di Sollicciano, Fabio Prestopino, persona molto stimata per la sua correttezza e professionalità, rientrato ieri mattina da un altro incarico di lavoro. "Esprimo rammarico per quanto accaduto ieri (lunedì, Ndr ), inopportunamente e senza alcuna comunicazione né autorizzazione da parte mia o del comandante del reparto. Sulla vicenda sono in corso accertamenti interni".
Una dichiarazione talmente lapidaria che non promette nulla di buono per chi ha così vistosamente sbagliato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA