Alessandra Papini Confartigianato: “Il mio appello ai maturandi: vi stiamo aspettando”

Il Segretario di Confartigianato Imprese Arezzo lancia un messaggio di speranza ai giovani studenti

papini
papini

Arezzo, 21 giugno 2023 – “E’ il giorno della “maturità”, il primo importante traguardo per i nostri ragazzi. Oggi più che mai il loro percorso di studio, le loro scelte, saranno fondamentali per il futuro di tutti noi”. Così il messaggio del Segretario di Confartigianato Imprese Arezzo, Alessandra Papini, ai giovani maturandi.

“Viviamo in un paese con uno dei tassi di natalità più bassi che se unito al fatto che l’aspettativa di vita si sta sempre più allungano, ci mette davanti a degli scenari complessi per la tenuta del nostro sistema sociale e produttivo”, afferma Papini. “Oggi i nostri ragazzi sono chiamati a delle sfide ancora più complesse che nel passato, la scelta dei percorsi di formazione è strategica per la sopravvivenza di alcuni settori produttivi”, aggiunge Papini. “Per questo motivo i giovani che oggi affronteranno la maturità sono investiti di una grande responsabilità. Sono loro il vero motore del futuro di tutta la società”, sottolinea il segretario.

“Per questo motivo voglio augurare a tutti loro di vivere con grande gioia e coinvolgimento emotivo questo importante passaggio offrendogli un motivo in più per guardare con speranza al futuro. Fuori dalla scuola c’è un mondo di opportunità che li attende”, spiega.

“Noi come Confartigianato non possiamo che tenere aperte le nostre porte, sempre di più saremo punto di riferimento per l’orientamento, una casa dove trovare consigli ed opportunità. Il nostro è un tessuto produttivo solido e vivace dove c’è spazio per tantissime figure professionali, dove i giovani avranno la possibilità di esprimere le loro passioni e mettere a terra le competenze acquisite in questi anni”, commenta Papini. “Voglio infine lanciare un appello: noi vi aspettiamo, siamo pronti a darvi sostegno per individuare i migliori percorsi professionali che la nostra provincia offre”.