Maurizio Costanzo
Cronaca

1 ottobre 2023, è la giornata del caffè: come berlo senza sacrificare notti di sonno

A Firenze è possibile degustare gratuitamente le varietà più esclusive e partecipare a un incontro su come preparare un buon caffè a casa

Caffè (foto Ansa)

Caffè (foto Ansa)

Firenze, 1 ottobre 2023 - Il primo ottobre il mondo celebra la Giornata internazionale del caffè. Nel dettaglio, gli europei sono i maggior consumatori, con una stima del 55% sul consumo globale di caffè stimata nel 2022, secondo l'Organizzazione Internazionale del Caffè. La cultura del caffè in Europa ha una storia ricca e affascinante che negli anni si è evoluta e ha saputo stare al passo con i tempi, anche grazie al ruolo vitale che le caffetterie hanno svolto nel formare il contesto politico, intellettuale e sociale del continente. Che siano i tradizionali cafè viennesi, o i più chic nel cuore di Parigi, ogni Paese europeo ha le proprie tradizioni, ma tutti sono accomunati dal fatto che il momento del caffè non è solo il bere la bevanda, ma una vera e propria esperienza fatta di gusto, storia e socialità. "Io, per esempio, a tutto rinuncerei, tranne a questa tazzina di caffè, presa tranquillamente qua, fuori al balcone, dopo quell’oretta di sonno che uno si è fatto dopo mangiato”. Sono passati quasi ottanta anni dalla famosa scena del grande Eduardo de Filippo ma la passione degli italiani per il caffè è più viva che mai. La loro, con il 97% che lo beve più volte al giorno, e quella degli stranieri che continuano ad impazzire per il nostro espresso e le sue infinite variazioni sul tema, anche in Inghilterra, dove sta battendo il tè. L’Italia è la patria per eccellenza dell’espresso in tutte le sue declinazioni. Un appuntamento fisso quotidiano per la maggior parte di noi: dal caffè prima di entrare in ufficio, alla pausa a metà mattina, fino a quella dopo pranzo. Il caffè per gli italiani, infatti, non è solo una bevanda per svegliarsi, ma anche un momento di socialità e di condivisione con gli altri. È credenza comune ormai che bere caffè inevitabilmente causa problemi a dormire, ma non è del tutto accurato. Sebbene il caffè contenga caffeina, che può potenzialmente disturbare il sonno, ci sono diversi modi di consumare caffè senza che abbia particolare impatto sul sonno. Dunque, come bere il caffè senza sacrificare una buona notte di sonno? La caffeina può avere un diverso impatto sugli individui, ma in generale ci sono alcune precauzioni da considerare per evitare di trascorrere una notte disturbata. “Innanzitutto, bisogna assicurarsi di bere tanta acqua”, spiega la psicologa e scienziata del sonnoTheresa Schnorbach a capo del team ricerca di Emma – The Sleep Company. “La caffeina è infatti un diuretico, il che significa che può aumentare la produzione di urina e portare alla disidratazione, contribuendo così a una scarsa qualità del sonno.” È altresì consigliato consumare caffè accompagnato da un pasto per rallentare l'assorbimento della caffeina nel sangue, riducendone così gli effetti stimolanti. Per chi, invece, è particolarmente sensibile alla caffeina o ha problemi a dormire, una buona soluzione è provare il caffè freddo, che contiene meno acidità e caffeina del classico caffè caldo. Va inoltre ricordato che al principio di una buona qualità del dormire è collegata una buona pratica del sonno, che può aiutare a compensare gli effetti negativi della caffeina. “Ciò significa stabilire un programma di sonno coerente, la creazione di un ambiente di sonno rilassante e l'evitare dei dispositivi elettronici prima di andare a letto, oltre ovviamente a non consumare caffè e altri alimenti stimolanti poco prima di coricarsi”, continua l’esperta. Tante le iniziative per questa giornata in tutta Italia. A Firenze Ditta Artigianale offrirà la possibilità di assaggiare gratuitamente una selezione di caffè in filtro provenienti da diversi Paesi, approfondendo parallelamente la storia e le tradizioni che si nascondono dietro ad ogni tazzina. Dall’Etiopia alla Colombia, passando per l’Honduras, saranno cinque le varietà proposte, tutte da gustare. Inoltre, nei locali della Scuola del Caffè, accademia internazionale dedicata alla diffusione della cultura del caffè, nata all’interno di una caffetteria, in Ditta Artigianale Carducci, sarà organizzato un incontro su come preparare un buon caffè a casa, guidati dal team di Ditta Artigianale (ore 15, ingresso gratuito), mentre alle 16 il pluripremiato campione baristi e assaggiatori di caffè Francesco Sanapo, incontrerà il pubblico in un workshop durante il quale offrirà la possibilità di assaggiare le varietà selezionate nel corso del suo recente viaggio in Colombia. Nasce oggi Philippe Noiret nato il 1 ottobre del 1930 a Lilla. L’attore francese fu notissimo anche in Italia, lavorò in film cult come 'Amici Miei', 'La grande abbuffata', 'Nuovo Cinema Paradiso', ‘Il postino’. In Amici miei atto II, nei panni di Giorgio Perozzi, disse: “E io rimasi lì a chiedermi se l'imbecille ero io, che la vita la prendevo tutta come un gioco. O se era lui, che la prendeva come una condanna ai lavori forzati. O se lo eravamo tutti e due”.