Santo a teatro. Scifoni giullare di Francesco

Stasera il noto attore porta in scena il suo "Fra’". Parole e musica al teatro Comunale di Cavriglia.

Santo a teatro. Scifoni giullare di Francesco
Santo a teatro. Scifoni giullare di Francesco

Su il sipario sul 2024 al teatro comunale di Cavriglia. Stasera venerdì 5 gennaio alle ore 21.30, Giovanni Scifoni porta in scena "Fra’". San Francesco, la superstar del Medioevo. Un monologo, orchestrato con le laudi medievali e gli strumenti antichi di Luciano Di Giandomenico, Maurizio Picchiò e Stefano Carloncelli, che si interroga sull’enorme potere persuasivo che genera su noi contemporanei la figura pop di Francesco, ripercorrendo la vita del poverello di Assisi e il suo sforzo ossessivo di raccontare il mistero di Dio in ogni forma, fino al logoramento fisico che lo porterà alla morte. Un soprannome, "Fra’", che lascia quasi presagire una dimensione familiare e amicale con il santo più conosciuto e apprezzato della storia, non solo dal pubblico cattolico, e che, in sole tre lettere, sa farlo scendere dal cielo e riportarlo a terra, rendendolo prossimo a ciascuno di noi. Eppure, Giovanni Scifoni riesce a fare qualcosa di più, perché restituisce a san Francesco d’Assisi i tratti del suo volto di uomo, ossessionato dal desiderio di "raccontare Dio in ogni sua forma", e riporta al centro la sua dimensione d’artista: infatti, ogni situazione vissuta era trasformata dal santo in predicazione, e nulla di ciò che gli attraversava cuore e pelle veniva buttato via, ma riutilizzato come solida base per nuove creazioni. Come il Cantico delle Creature, primo componimento lirico in volgare italiano della storia, o il presepe di Greccio, la più copiata opera di Francesco, o ancora l’incontro con il sultano e le stimmate de La Verna. Gli snodi più importanti della vita e della storia del giovane assisano ci sono tutti.

Fra’ è un giullare, che saltella da una parte all’altra del palco, facendo divertire il pubblico, muovendosi tra storia, cultura e spiritualità con umorismo sapiente, regalando originalità e bellezza vera, nel senso più alto del termine. E Giovanni Scifoni non porta sulla scena soltanto umorismo e cultura, ma riesce a comunicare anche la fede. Quel Fra’ – fratello minore di tutti e per tutti, che a distanza di secoli non smette di far parlare di sé diventa una nuova pennellata di colore tra le mani di Giovanni Scifoni che, racconto dopo racconto, dà vita a un’opera nuova.

A.B.