“Dacci i soldi o ti tagliamo le mani”. Rapina choc ad Arezzo, pensionato legato a una sedia e derubato

Succede a Bulciano, frazione del comune di Pieve Santo Stefano (Arezzo). Dopo la rapina i malviventi hanno tagliato le gomme all’auto del 73enne. L’uomo si è diretto a piedi in paese, ha fermato un’auto e si è fatto accompagnare dai carabinieri

Indagini dei carabinieri

foto diffusa da carabinieri Siena

Pieve Santo Stefano (Arezzo), 29 marzo 2024 – Rapina choc in stile “Arancia Meccanica” a Bulciano, frazione di Pieve Santo Stefano (Arezzo). Un pensionato di 73 anni è stato brutalmente aggredito e rapinato in casa sua. 

Come riporta il Corriere di Arezzo, due malviventi sono entrati nella casa del signore, lo hanno legato a una sedia e minacciato di amputargli le mani se non avesse indicato dove si trovavano i soldi. 

I due hanno quindi portato via 1300 euro che il 73enne aveva in casa, per poi fuggire dopo aver tagliato le gomme all’auto dell’uomo. 

Dolorante e sotto choc l'anziano si è diretto a piedi in paese, ha fermato un’auto lungo la strada e si è fatto accompagnare dai carabinieri. Sono in corso indagini, la tecnica adoperata è quella già vista in passato per altri colpi in Valtiberina, ma erano sempre state rapine in villa. Gli investigatori non escludono che possa essersi trattato di ladri che non si aspettavano la presenza dell'uomo, o in possesso di informazioni sbagliate.