MASSIMO BAGIARDI
Cronaca

Parrocchie in aiuto del Marconi. Altre quattro aule disponibili. Tutti gli studenti in presenza

Dopo il crollo del solaio e l’atteso ripristino delle classi lesionate, è iniziata la corsa solidale. I ragazzi pur se divisi in varie sedi, adesso potranno svolgere le lezioni a tempo pieno .

Parrocchie in aiuto del Marconi. Altre quattro aule disponibili. Tutti gli studenti in presenza

Parrocchie in aiuto del Marconi. Altre quattro aule disponibili. Tutti gli studenti in presenza

Le parrocchie corrono ancora in soccorso degli studenti del "Marconi". Dopo l’inagibilità dichiarata lo scorso 14 settembre, a ridosso della prima campanella dell’anno, per il crollo in una classe di controsoffitto e solaio all’interno del plesso scolastico sangiovannese - 20 le successive aule ispezionate con 15 laboratori tutti del percorso professionale - i circa 400 ragazzi presenti all’interno dell’istituto hanno continuato il loro percorso scolastico una parte in alcuni locali del Centro pastorale ‘Guido Guerra di Montevarchi e l’altra, in numero più cospicuo, con la didattica a distanza. In risposta alla comunicazione scritta dal dirigente dell’Isis Roberto Santi dove si evidenziava la necessità di individuare ambienti e locali in cui trasferire le classi, attendendo che la provincia completi tutti i lavori all’interno del plesso, il sindaco Valentina Vadi si era prontamente attivata per riuscire a trovare alcuni spazi idonei di modo che si possa, gradualmente, tornare a una pressoché normale attività.

Dopo aver individuato 10 aule nell’istituto delle suore Stimmatine in San Lorenzo, grazie anche alla Caritas che ha temporaneamente spostato la propria sede, nella giornata di martedì sono state "recuperate" altre quattro aule della parrocchia di San Pietro e Paolo, nel quartiere Bani, ritenute sufficientemente idonee per far tornare gli studenti tra i banchi di scuola. Le stesse sono state visionate dal referente di plesso, la professoressa Alessandra Papi, insieme alla assessore all’istruzione del Comune Nadia Garuglieri. Una soluzione, questa, che permetterà agli studenti, che ancora facevano uso della DAD di tornare in presenza. Si pensa di poterlo fare dalla prossima settimana, è però certo che si tornerà a pieno regime riguardo gli orari.

E questa, di per sé, è una bella notizia. "Grazie alla disponibilità di questi ulteriori spazi – ha dichiarato il sindaco di San Giovanni Valentina Vadi – gli studenti e le studentesse potranno tornare a fare lezione in presenza nell’auspicio che la Provincia effettui gli interventi necessari al plesso Marconi quanto prima e che i ragazzi e le ragazze possano quindi fari rientro presto nella loro scuola. Ringrazio la Caritas di San Giovanni e la Parrocchia di San Pietro e Paolo per la concessione degli spazi".