La scena dell'incidente a Pinarella
La scena dell'incidente a Pinarella

Arezzo, 23 aprile 2019 - L’udienza di convalida dell’arresto di Edoardo C.  il giovane che ha travolto e ucciso in auto la ventinovenne aretina Giovanna Santorelli, si è conclusa con la conferma dell'arresto e la concessione dei domiciliari. Il ragazzo, nato a Ravenna ma residente a Cervia – difeso dall’avvocato Raffaella Salsano –, è uscito dunque dal carcere ed è tornato a casa ma da lì non potrà uscire.

È accusato di omicidio stradale, per aver provocato lo schianto nel quale alle 5.30 di sabato scorso ha perso la vita la 29enne Giovanna Santorelli, arrivata da Arezzo col compagno e un’amica per trascorrere la Pasqua in Riviera e con la prospettiva di tornare a casa con un cagnolino da adottare presso il canile di Cervia.

Ad aggravare la posizione del giovane ci sono anche le accuse di guida sotto l’influenza dell’alcol – nel sangue gli è stato trovato un tasso di 2,15 g/l, quattro volte il limite di legge – nonché di sostanze stupefacenti. All'esito degli accertamenti tossicologici, effettuati all’ospedale di Ravenna dove era stato trasportato con lievi ferite, è risultato positivo anche ai cannabinoidi. Il ragazzo stava rincasando all’alba dopo la nottata trascorsa in una discoteca di Pinarella.

Qui, al volante di una Volkswagen Touran, percorrendo la strada principale, avrebbe omesso la precedenza travolgendo la Suzuki Jimny che procedeva in viale Tritone in direzione del mare. Nell’impatto la 29enne è morta praticamente sul colpo, sbalzata dall’abitacolo. Al Bufalini di Cesena è ancora ricoverata l’amica di 53 anni che viaggiava con Giovanna e il fidanzato: è in Rianimazione dove i medici le hanno riscontrato fratture al bacino.

Nel riquadro Giovanna Santorelli

Solo questo pomeriggio la magistratura restituirà ai familiari il corpo di Giovanna. Si attende il via libera per procedere ai funerali, che avverranno non prima di domani pomeriggio nella chiesa del Giotto ad Arezzo. Intanto è stato dimesso dall’ospedale il fidanzato della ragazza aretina: il giovane giardiniere, anche lui di 29 anni, era alla guida della Suzuki su cui è piombato il suv che non ha lasciato scampo alla giovane.

Il fidanzato di Giovanna dopo essere stato ricoverato al Bufalini di Cesena, sta fisicamente meglio, ma deve riprendersi dallo choc per la terribile tragedia. Stamani lui e i familiari della ragazza si recheranno a Ravenna per recuperare il corpo. Pprima dei funerali c’è da ottenere il via libera del magistrato che conduce le indagini A compiere i rilievi sono stati i carabinieri dell’aliquota radiomobile della locale compagnia, con l’ausilio delle stazioni di Cervia e Savio.

Dolore ad Arezzo dove la coppia di fidanzati era conosciuta, lui di professione è giardiniere, lei da 5 anni aveva scelto di vivere insieme, mentre la famiglia abita a Camucia, anche se le origini sono campane. Lo scopo della gita era quello di prendere un cane, un Golden retriever. L’animale era stato ritirato dopo alcuni contatti telefonici con i custodi, ma una volta in auto, dopo lo schianto è scappato per la paura. Le autorità veterinarie di Ravenna lo stanno cercando per riportarlo al custode o alla nuova proprietaria al momento ricoverata.

L.P.