Le fiere scaldano i motori. La novità Piazza del Gusto e ambulanti a quota 250

La gestione dell’area specifica passa a Confcommercio e Confesercenti. L’assessore Mercati: "Revisione degli spazi lungo viale Vittorio Veneto".

Le fiere scaldano i motori. La novità Piazza del Gusto e ambulanti a quota 250

Le fiere scaldano i motori. La novità Piazza del Gusto e ambulanti a quota 250

di Claudio Roselli

"Piazza del Gusto" e revisione degli spazi lungo viale Vittorio Veneto. Manca poco più di un mese all’edizione 2024 delle Fiere di Mezzaquaresima a che, in base alla tradizione e alla data della Pasqua, si terranno nei quattro giorni da giovedì 14 a domenica 17 marzo prossimi con un numero complessivo di ambulanti e aziende che supererà anche stavolta quota 250. Piazza Torre di Berta, cuore della città, sarà il fulcro della manifestazione e l’appellativo di "Piazza del Gusto" deriva dal fatto che negli stand di essa sarà possibile gustare ancora le specialità culinarie di altre zone d’Italia assieme a quelle locali; lo scorso anno, per esempio, gli arrosticini abruzzesi riscossero un eccezionale successo assieme alla carne chianina degli allevamenti di vallata. La differenza sostanziale è un’altra: "La gestione dell’allestimento della piazza è passata nelle mani delle due associazioni di categoria, Confcommercio e Confesercenti, con assieme l’Associazione Commercianti del Centro Storico – sottolinea l’assessore Francesca Mercati, che si occupa sia di commercio che di eventi – mentre i lati di viale Vittorio Veneto sono interessati da lavori di risistemazione finalizzati a migliorare ulteriormente il contesto di quella zona anche in funzione delle Fiere".

La dislocazione logistica rimarrà per il resto invariata: bancarelle tradizionali in via XX Settembre, via Niccolò Aggiunti, via Matteotti e viale Armando Diaz; aziende artigiane nel parcheggio di viale Vittorio Veneto, con accanto i prodotti per l’edilizia e il settore auto-moto-veicoli industriali, agricoltura e giardinaggio nel parcheggio di Porta del Ponte, hobbistica e collezionismo a Porta Romana e infine il palco per intrattenimenti nel largo di Porta Fiorentina. Un primo assaggio del periodo che accompagna all’appuntamento con le Fiere lo avremo già dalla prossima settimana: con la fine del Carnevale, arriveranno le carovane del luna park sul piazzale del palazzetto dello sport, che rimarranno fino alla serata del 17 marzo. L’Unione dei Comuni della Valtiberina curerà poi la parte del Foro Boario, che ospiterà giovedì 14 il momento clou attorno al quale ruota la storia della kermesse, ovvero la Fiera del Bestiame, sperando che quest’anno la situazione sia chiarita e che gli allevatori dei bovini non diano forfait.