Le distrazioni che superano i 30 all’ora

La necessità di limitare la velocità a 30 km/h è emersa dopo un incidente sulla statale 73 a Ripa di Olmo. Le distrazioni al volante, spesso legate ai dispositivi tecnologici, mettono a rischio la sicurezza di tutti gli utenti della strada.

Si parla spesso della necessità di procedere a 30 all’ora, dopo che Bologna ne ha fatto una scelta. Anche ieri si è sfiorata la tragedia sulla strada statale 73 a Ripa di Olmo davanti alla fermata dell’autobus. Saranno le indagini a stabilire dinamica e responsabilità. C’è però un fenomeno che coinvolge tutti, dalle Alpi alla Sicilia, dal centro di una metropoli a una stradina di campagna: le grandi distrazioni nelle piccole case viaggianti che abbiamo, tra navigatori, smartphone e touch screen.

La differenza è sostanziale: se vai a piedi rischi solo per te, su un mezzo a motore anche sugli utenti deboli come ciclisti e pedoni. Molto spesso è proprio la distrazione da cellulare che provoca incidenti. Non basta il 30 all’ora se manca attenzione mentre si guida.