Il maltempo e le risposte che servono

La Toscana centrale è stata colpita da una tragedia: crolli, alberi caduti, tetti danneggiati, famiglie senza energia e acqua. La prevenzione del rischio è fondamentale: servono la macchina della protezione civile, buonsenso e prudenza.

Le raffiche di vento, la pioggia battente e qualche grandinata. Poi il fango ovunque, gli alberi caduti e i tetti danneggiati.

Le immagini tragiche che arrivano dalla Toscana centrale non sono così diverse da quelle dell’Aretino. Una scuola del Valdarno è costretta a chiudere per un crollo e più di tremila famiglie sono rimaste senza energia e acqua per molte ore. Hanno dovuto anche razionare i pasti e l’uso del cellulare, l’unico strumento a cui attaccarsi in cerca di risposte. La prevenzione del rischio non rientra tra le eccellenze di questo Paese: le previsioni meteo che mettono pioggia nei prossimi dieci giorni. Non far vincere il fango è un obiettivo per cui serve la macchina della protezione civile. Importante quanto il buonsenso e la prudenza di ognuno.