L'ordigno
L'ordigno

Arezzo, 16 luglio 2020 - Questa mattina durante i lavori di svuotamento all’interno della torre di Civitella per la riqualificazione dell'arco di accesso e della riqualificazione del terrazzo è stato rinvenuto un ordigno bellico risalente alla Seconda Guerra Mondiale.
Si tratta di uno dei tanti colpi di artiglieria degli alleati di cui fu bersaglio il castello durante le prime due settimane del luglio 1944 e che in questo caso rimase inesploso. Questa mattina il ritrovamento, proprio nel giorno dell'anniversario del capoluogo.
Il responsabile delle sicurezza una volta rinvenuto l’ordigno ha immediatamente allertato l’amministrazione comunale e le forze dell’ordine. I lavori nel cantiere sono stati immediatamente sospesi e anche tutto il resede della rocca è chiuso al pubblico.

I carabinieri hanno avviato la procedura che porterà i militari del genio pontieri a bonificare l’area.
"Ci auguriamo che tale bonifica avvenga nel più breve tempo possibile, in modo da poter riprendere i lavori in sicurezza. Sarà nostra premura informare la popolazione non appena avremo ulteriori dettagli - ha detto il sindaco Ginetta Menchetti - comunicheremo tutte le modalità con le quali l’ordigno sarà rimosso dalla torre in completa sicurezza e le eventuali misure da adottare per la cittadinanza interessata".