Siena, 27 dicembre 2017 - SAREMO scontati o perlomeno tristemente ripetitivi, ma non possiamo che iniziare con la ormai rituale frase: un altro storico negozio chiude davanti ai nuovi tempi. Questa volta è il glorioso Emporio Musicale Senese che, sommando anche la prima denominazione Chiosco del Disco, era aperta dal 1963. Ne parliamo con il proprietario Sandro Mazzuoli all’indomani dell’imminente chiusura, prevista entro i primi mesi del 2018. «I motivi di questo abbandono sono molteplici – ci dice rassegnato Mazzuoli – e riguardano le troppe spese di gestione in rapporto alle vendite calate notevolmente gli ultimi anni, a causa dei nuovi mercati, della vendita senza regole nella rete, tasse e burocrazia ma anche per l’età che avanza. E poi i problemi legati al territorio, la crisi della Banca si è assommata a tutto il resto, nonostante il fatto che questa città abbia una serie di istituzioni musicali ma non sufficienti per questo spazio che, proprio per le esigenze di un precedente mercato, metteva a disposizione dei clienti 1400 metri di esposizione ed ha contato anche tredici dipendenti».

LEGGI I SERVIZI NEL GIORNALE IN EDICOLA