Prato, 7 settembre 2017 - Quando ha varcato la porta del ristorante di via Oste, il titolare e i camerieri stentavano a crederci. Ed invece ieri mattina, poco prima dell’ora di pranzo, il ‘piccolo diavolo’ si è presentato alla pizzeria «Sora Vassoia» di Montemurlo. «È stato davvero emozionante. Nel nostro locale abbiamo come clienti sia le sorelle di  Roberto Benigni che il nipote, tante volte avevamo chiesto loro di portarci Roberto, ma chi se lo sarebbe aspettato...», spiega Gianluca Menicacci, titolare della pizzeria specializzata in tortelli e pasta fresca. E sono stati proprio i ravioli al pomodoro fresco a conquistare il regista premio Oscar con tanto di complimenti allo chef.

Benigni si è intrattenuto per il pranzo nel locale di Oste in compagnia delle sorelle e dei nipoti che ancora abitano a Vergaio. Tanta curiosità tra i clienti di «Sora Vassoia» che non hanno resistito chiedendo al regista un autografo e una foto insieme. Benigni si è mostrato disponibile e non si è sottratto ai fan. «È stato gentilissimo e molto disponibile. Era con la famiglia quindi lo abbiamo lasciato pranzare senza essere troppo invadenti. Avere un personaggio del genere nel locale comunque è stata davvero una bella emozione. Non credevamo che venisse veramente a trovarci. E invece ci ha fatto proprio una bella sorpresa», prosegue Menicacci. Benigni era atteso a Roma nel pomeriggio. Prima del pranzo a Oste, invece, l’attore era passato dall’ospedale Santo Stefano a fare visita ad un parente ricoverato. Anche tra le corsie del Santo Stefano l’attore-regista non è passato inosservato sollevando la curiosità di molti. Dopo la visita al familiare è ripartito in auto alla volta di Roma dove abita con la moglie Nicoletta Braschi.