Pisa 15 luglio 2017 - Stop ai taxi abusivi. Dopo una serie di appostamenti in zona stazione e di controlli mirati, gli agenti della Polizia Municipale hanno colto sul fatto due tassisti che svolgevano «abusivamente il servizio, senza cioè la regolare licenza concessa dal Comune», si spiega dal comando. I due autisti, «uno già individuato la settimana scorsa e uno in questi giorni, stanziavano spesso in zona stazione e all’aeroporto e si proponevano ai turisti in cerca di taxi, utilizzando autovetture che non esponevano alcuna segnalazione di servizio taxi, sprovvisti di licenza, specifica assicurazione e svolgendo un lavoro completamente al nero». Il problema dei tassisti abusivi era stato già denunciato dal rappresentante della Co.Ta.Pi, la cooperativa dei tassisti pisani, anche recentemente durante la conferenza stampa della Cna sul problema del lavoro abusivo. Le autovetture utilizzate come taxi abusivi «sono state poste sotto sequestro, e i ai conducenti è stata ritirata la patente di guida. Entrambi rischiano la sospensione della patente da 4 a 12 mesi e una sanzione pecuniaria da 1.777 a 7.108 euro».

Proseguono i controlli della polizia municipale a tutto campo: durante i consueti servizi di contrasto al fenomeno dei borseggi in zona Duomo è stato allontanato un gruppo di quattro giovani nomadi, mentre in materia di lotta all’abusivismo commerciale è stato effettuato un sequestro di merce venduta abusivamente tra piazza Manin e piazza del Duomo.

Durante i servizi di controllo del territorio, in collaborazione con la polizia di Stato, è stato denunciato un uomo di nazionalità rumena per inottemperanza al foglio di via obbligatorio dalla città di Pisa, rintracciato nel parco di via Abba, mentre in centro storico sono state sequestrate 93 bottiglie di birra vendute abusivamente. Infine, sul fonte controlli in ztl, emesse 42 sanzioni per veicoli non autorizzati che sono entrati in senso vietato in zone ztl.