Firenze, 13 agosto 2017 - Ultime ore viola per Kalinic, destinato a traslocare a Milano o in Premier League: asta ufficialmente aperta, Corvino domani incrocerà i dirigenti rossoneri riportando anche l’offerta dell’Everton (25 milioni di sterline, quasi 28 convertiti in euro). Bisogna decidere in fretta, la Fiorentina ha bloccato Simeone e vuole annunciarlo il prima possibile. Soprattutto vuole metterlo a disposizione di Pioli in tempi stretti, senz’altro per la prima di campionato contro l’Inter, il 20 agosto a San Siro.
Kalinic aveva posto la pregiudiziale di restare in Italia, ma lui stesso è rimasto sfavorevolmente colpito dall’atteggiamento del Milan e nelle ultime ora ha dato il via libera anche per il trasferimento in Inghilterra, nella Premier che aveva già frequentato con i Blackburn Rovers dal 2009 al 2011.

L’accelerazione dunque è netta e anche da parte del giocatore sono caduti alcuni paletti che avevano condizionato le trattative precedenti. Corvino incontrerà comunque anche il Milan ribadendo le condizioni viola, rese ora più convincenti dall’offerta dell’Everton. Alla Fiorentina interessano Paletta e Antonelli (quest’ultimo come possibile titolare sulla sinistra al posto di Maxi Olivera). Retroscena: Corvino aveva proposto come parziale contropartita anche il prestito di Bacca, ma il Milan ha risposto che intende fare cassa con il centravanti colombiano. Quindi niente prestiti, al massimo uno scambio, ma la Fiorentina ha già puntato decisemente du Simeone, che ha esattamente 10 anni in meno rispetto a Bacca.
 
E mentre proprio Simeone si avvia a diventare il nuovo centravanti della Fiorentina – il passaggio si dovrebbe chiudere su una cifra complessiva di 18 milioni più bonus – la società viola ha ricevuto una risposta negativa da Jesé Rodriguez. Inutile dunque aver raggiunto l’accordo con il PSG (prestito biennale e parte dei 7 milioni lordi dell’ingaggio annuale a carico della società francese) a fronte delle perplessità del giocatore. Il quale ha fatto sapere di preferire la Premier League, in particolare lo Stoke City (ieri sconfitto proprio dall’Everton a caccia di Kalinic) che si è fatto avanti con decisione. Proseguirà dunque la ricerca di Corvino per l’esterno d’attacco e a quanto pare non mancano le soluzioni di riserva. 

Da scartare Politano – il Sassuolo non scende dalla richiesta di 15 milioni – mentre il teorico profilo restringe la fascia di età (da 23 a 25 anni) e alla fama non da top. Per intendersi: un rinforzo alla Eysseric, quindi un giocatore di talento affidabile e che abbia una valutazione inferiore a quelle dei cosiddetti top (che certo altre destinazioni preferiscono a Firenze). 

Capitolo esterno difensivo: detto di Antonelli – ma qui si torna al capitolo trattativa con il Milan – resta valido l’interesse per Strinic. Il Napoli chiede 6 milioni, la cifra è trattabile. Otto milioni chiede invece l’Augusta per Kostas Stafylidis, che in Bundesliga si è guadagnato onore e fama, insieme alla sicura conferma nella nazionale del suo paese.