Sostegno al Calendimaggio. C’è il protocollo d’intesa

Assisi: è stato siglato da Comune e Ente per consolidare il rapporto nell’ottica della festa. Intanto grande successo dello spettacolo “Echo la Primavera“.

Sostegno al Calendimaggio. C’è il protocollo d’intesa

La sigla del protocollo d’intesa

Il conto alla rovescia per il Calendimaggio passa anche per “Echo la Primavera“, caratterizzata quest’anno anche da un momento ‘protocollare’. L’appuntamento musicale itinerante per le vie della città a cura dell’Ente Calendimaggio, con la partecipazione delle due Parti, Magnifica Parte de Sotto e Nobilissima Parte de Sopra, ha visto una sentita partecipazione. Il via dal Pincio, con i cori delle due Parti che, insieme, hanno eseguito “Il Coprofoco“, inno della città. Poi i diversi momenti, dalla Chiesa di San Vitale a piazza del Piazza del Vescovado, da piazza Santa Chiara, con gli Sbandieratori di Assisi alla Piazzetta della Chiesa Nuova ancora con l’esibizione dei cori delle Parti, la riconsegna della “Rosa d’Argento“ al Maestro de Campo Messer Bruno Cianetti da parte della Madonna Primavera 2023. È stato anche il momento in cui il indaco Stefania Proietti e Marco Tarquinio, presidente dell’Ente Calendimaggio, hanno sottoscritto il protocollo d’intesa che consolida il rapporto fra l’istituzione municipale e il soggetto che organizza la festa del Calendimaggio. Comune che da un lato si impegna a istituire una delega, nell’ambito degli assessorati, dedicata al Calendimaggio, a sostenere economicamente la festa, a reperire spazi per le sedi delle due Parti, a cominciare dalla Taverna, a mettere a disposizione quelli necessari per le manifestazioni.

Impegni anche per l’Ente Calendimaggio, dalla predisposizione delle fiaccolate in alcuni occasioni (venerdì Santo, feste del Voto, di san Francesco), la presenza della rappresentanza del Calendimaggio in particolari occasioni, l’imbandieramento della città in occasione di particolari momenti o eventi.