Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
14 lug 2015

Lady Gaga a Umbria Jazz: «Ho bisogno di un istruttore di pilates»

L’unica ’strana’ richiesta finora di Lady Germanotta a Perugia per il concerto «Cheek to Cheek» con Tony Bennet

14 lug 2015
featured image
US singer Lady Gaga walks in Perugia, central Italy, ahead of her concert with Tony Bennett as part of Umbria Jazz Festival, 14 July 2015. Italian singer Paolo Conte will open Umbria Jazz Festival on Friday evening, joining famous international artists Lady Gaga and Tony Bennett. Umbria Jazz 2015 takes place until 19 July in Perugia at the Santa Giuliana arena, with swing, jazz, blues, funk, pop and soul artists performing across two stages. ANSA/ GIAN MATTEO CROCCHIONI
featured image
US singer Lady Gaga walks in Perugia, central Italy, ahead of her concert with Tony Bennett as part of Umbria Jazz Festival, 14 July 2015. Italian singer Paolo Conte will open Umbria Jazz Festival on Friday evening, joining famous international artists Lady Gaga and Tony Bennett. Umbria Jazz 2015 takes place until 19 July in Perugia at the Santa Giuliana arena, with swing, jazz, blues, funk, pop and soul artists performing across two stages. ANSA/ GIAN MATTEO CROCCHIONI

Perugia, 14 luglio 2015- Un maestro di pilates a sua disposizione è l’unica richiesta «insolita» fatta da Lady Gaga agli organizzatori di Umbria Jazz. La star è infatti arrivata ieri sera a Perugia dove domani si esibirà con Tony Bennett all’arena Santa Giuliana con l’atteso concerto «Cheek to Cheek».

I due sono arrivati entrambi dal Belgio, ma separatamente: ad ora di pranzo Bennett con tutta la band, e nel tardo pomeriggio Lady Germanotta con un aereo privato e con tanto di mamma al seguito. Preceduta dal suo cortese ma fermo addetto alla sicurezza, che ha perlustrato tutti i luoghi dove l’artista americana si recherà. Per dormire, pare abbia scelto una residenza privata fuori Perugia.

Per la cena ha comunque optato per un ristorante del centro, lo stesso per il quale sono passate tutte le star di Umbria Jazz. «Amazing food», ha detto, gentilissima e disponibile, allo chef che aveva servito cipolle di Cannara, ravioli al tartufo, tagliata di Chianina e pesce. Ad un altro tavolo del locale, Tony Bennett, e ad un altro ancora, Chick Corea e Herbie Hancock, che stasera suoneranno a Perugia nell’unica data italiana del loro tour mondiale con la formula del duo di pianoforte, il primo dopo 37 anni. Praticamente, un intero festival in una sala di ristorante. Il maestro di pilates chiesto da Lady Gaga è «poca cosa» rispetto alle tante stranezze chieste da altri protagonisti di Uj.

Nulla, al confronto della bicicletta pretesa da Prince per scorrazzare nel backstage prima e dopo il concerto, i molti materassi provati da Joao Gilberto che non riusciva a dormire in una suite di un hotel extra lusso, per non parlare di Keith Jarrett, che non voleva suonare perché sentiva freddo (a luglio) e che un’altra volta insultò il pubblico perché non voleva essere fotografato.

Tony Bennett invece si è offerto senza remore alla curiosità del pubblico. Appena arrivato, se ne è andato subito in giro, bermuda e polo, per il centro storico, fermandosi anche ad ascoltare i tanti musicisti di strada che si esibiscono lungo le vie principali. Ad una ragazza che suonava il flauto ha pure comprato il cd. Chi non lo conosce può averlo tranquillamente preso per un normale turista americano. In una edizione che promette di battere il record di incassi, quello della «strana coppia» Bennett - Lady Gaga sarà il concerto più affollato di Umbria Jazz 2015.

Anche se l’altro atteso duo, quello brasiliano che riunisce dopo più di 20 anni Gilberto Gil e Caetano Veloso, in programma venerdì, quanto a biglietti venduti insegue molto da vicino. Quella perugina è la penultima delle sette date del tour europeo allestito per il lancio di Cheek to Cheek, il disco che ha varato la collaborazione tra il crooner è la pop star. Il tour era cominciato il 4 luglio a Montecarlo e si concluderà a Girona venerdì. Il tour negli Stati Uniti invece era partito alla fine dell’anno scorso da Las Vegas ed era continuato con una ventina di date fino a giugno.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?