Il timore delle lezioni pomeridiane

SPOLETO A sette anni dal terremoto, a Spoleto la ricostruzione degli edifici scolastici prosegue a rilento e torna addirittura l’ipotesi delle lezioni pomeridiane. È emerso dalla riunione a cui hanno partecipato circa 200 genitori. L’imminente avvio dei lavori della primaria Sordini di via Visso, che ospita anche alcune classi della Dante Alighieri, costringe il Comune ad individuare una sede scolastica alternativa. L’assessore all’istruzione Luigina Renzi (nella foto) ha proposto la sistemazione nella scuola di Morgnano o in alternativa all’oratorio di San Venanzo. E’ anche emersa la possibilità di spostare tutti alla scuola media Pianciani, prevedendo però delle lezioni pomeridiane (almeno due giorni a settimana) per alcune classi di Alighieri e Pianciani, in attesa della sistemazione prefabbricati. Ipotesi questa che non piace ai genitori ed il sindaco Sisti, presente all’incontro, ha assicurato che le lezioni pomeridiane saranno evitate.