Furto di vini e prelibatezze. Stavolta i ladri rubano le ceste natalizie

Nuovo raid alla ditta "I Guinigi" di Bastia Umbra: sono entrati nel magazzino e hanno portato via le strenne. Ripresi dalle telecamere

Svaligiata la ditta "I Guinigi" di Bastia Umbra

Svaligiata la ditta "I Guinigi" di Bastia Umbra

Bastia Umbra, 15 dicembre 2023 – I ladri non si fermano neppure a Natale. Anzi, a Bastia sono andati proprio a caccia di strenne natalizie. Furti a più riprese, ma proprie le riprese di una telecamera potranno consentire alle forze dell’ordine di individuare i responsabili. Mercoledì sera si è consumato un nuovo furto alla ditta "I Guinigi" di Bastia, azienda che confeziona strenne natalizie anche per importanti aziende italiane. Ma stavolta i ladri sono stati ripresi dalle telecamere piazzate dai titolari che da giorni subivano furti all’interno del magazzino della ditta. È così scattato l’intervento delle forze dell’ordine, carabinieri e polizia, che hanno raggiunto l’azienda per i rilievi del caso e anche grazie alle telecamere sono subito scattate le indagini per risalire ai ladri.

Nei giorni scorsi i titolari si erano accorti che all’interno del magazzino, preso in affitto per il periodo natalizio, mancavano alcune confezioni di vino e alcuni cesti già pronti per essere spediti e hanno così deciso di piazzare delle telecamere, con sensore di movimento, all’interno del locale. Poco dopo le 20, quando i titolari della ditta hanno lasciato i locali, i ladri sono entrati nel magazzino, le telecamere hanno ripreso due persone che all’interno del locale caricavano cesti natalizi con grande disinvoltura, fino a quando hanno preso atto di essere ripresi.

Un’amara scoperta che ha costretto i ladri ad interrompere la razzia all’interno del magazzino. Ai titolari della ditta è subito scattato l’allarme e hanno potuto chiamare le forze dell’ordine: polizia e carabinieri hanno raggiunto la ditta in dieci minuti. Un conto salato per i titolari della ditta "I Guinigi" che hanno subito nei furti a più ripresa una perdita da qualche migliaia di euro, tra confezioni già pronte per essere spedite e prodotti di qualità presenti all’interno del magazzino. Le indagini procedono. La corsa al ladro è già partita.