Prende tre giorni di congedo parentale: padre licenziato

Perugia, l’uomo ha poi vinto la causa contro l’azienda. Il giudice ha imposto con una sentenza il reintegro sul posto di lavoro e il pagamento delle 13 mensilità di stipendio più i contributi persi

Tra i compiti accompagnare la figlia a scuola

Tra i compiti accompagnare la figlia a scuola

Perugia, 1 febbraio 2024 - Un padre ha preso tre giorni di congedo parentale ed è stato licenziato. Poi il giudice del lavoro ha imposto con una sentenza il reintegro sul posto di lavoro e il pagamento delle 13 mensilità di stipendio più i contributi persi.

È successo in un'azienda della provincia di Perugia. La notizia è stata pubblicata da Il  Messaggero Umbria. L'uomo, questa la ricostruzione dei fatti, aveva preso i giorni per occuparsi della figlia di due anni e permettere alla moglie di tornare al lavoro dopo la maternità. L'azienda prima lo ha sospeso, alla vigilia di Natale, e poi lo ha licenziato. Il giudice Giampaolo Cervelli della sezione Lavoro del tribunale civile di Perugia, ha però stabilito come il congedo parentale sia stato "destinato a incombenze necessarie per la cura della famiglia e della prole, come quelle del riassetto della casa, alla preparazione dei pasti, anche nella prospettiva di un'agevolazione della madre per la ripresa dell'attività di lavoro".

I fatti - ricostruisce il Messaggero - risalgono al novembre 2022. Nell'azienda l'operaio lavora dal 2019. Da due anni e poco più ha una bambina e la moglie, infermiera, è ritornata al lavoro. Per legge (decreto legislativo 151 del 2001), il padre lavoratore, dalla nascita del figlio ha diritto a un "periodo continuativo o frazionato non superiore a sei mesi".

E lui chiede di usufruire del congedo parentale per tre giorni a fine novembre. Ma a metà dicembre arriva dall'azienda una "contestazione di addebito disciplinare", giustificata da un "presunto abuso", cioè l'aver sì accompagnato e poi ripreso la figlia al nido, ma usufruendo del tempo in mezzo, ricostruisce il giudice, facendo una "breve sosta" al bar, la spesa al supermercato e trascorrendo "il resto del tempo in casa". Comportamenti che per l'azienda sarebbero stati "incompatibili con la funzione del congedo". Un atto impugnato dall'operaio, ma l'azienda ribadisce che "alla luce di quanto emerso dagli accertamenti investigativi, l'uomo abbia passato quei tre giorni non a dedicarsi alla cura della figlia, portata a scuola, ma a fare compere e a casa. L'avvocato Nunzia Parra ha invece sollecitato una visione diversa, grazie a una lettura congiunta del Jobs Act e del testo unico in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità. Che ha convinto il giudice Cervelli, fino alla decisione nei confronti dell'azienda".

"Si tratta di una delle prime pronunce del panorama nazionale - commenta l'avvocato Parra - che mette in luce la funzione del congedo parentale in relazione alla condivisione delle responsabilità di cura tra uomini e donne e la parità di genere in ambito lavorativo e familiare". Ora l'operaio dovrà decidere se tornare a lavorare nell'azienda o convertire il reintegro nel pagamento di altre 15 mensilità.