ATT
ATT

Da Porto Ercole a Porto Santo Stefano a nuoto per sostenere i malati di tumore. L’eccellenza italiana del nuoto in acque libere, lunedì 5 agosto si cimenterà nella “Da Porto a Porto”, nuotata nel mare dell’Argentario organizzata dalla Polisportiva Amatori Prato a favore dell’Associazione Tumori Toscana Att. La partenza è alle 6.30 dalla spiaggia delle Viste a Porto Ercole e l’arrivo alla spiaggia del Moletto di Porto Santo Stefano.

L’evento, alla seconda edizione, si svolgerà su un percorso di oltre 21 km. Sono più di 70 gli iscritti alla gara che quest’anno avrà anche un respiro internazionale, con tre atlete in arrivo da Inghilterra, Australia e una nuotatrice giapponese. È previsto un ricco programma di iniziative collaterali. Sarà allestito un maxi schermo per seguire le fasi più importanti dell’impresa e si potrà assistere a una dimostrazione di soccorso in mare, con l’ausilio di unità cinofile da salvataggio dell’associazione “MAX S.I.C.S. Scuola Cani Salvataggio Toscana”.

A dare il loro sostegno anche l’attrice Pamela Villoresi, per il secondo anno madrina della nuotata, e l’ex campione del mondo di ciclismo Mario Cipollini, entrambi presenti all’Argentario. Il ricavato sarà impiegato per l’acquisto di un nuovo mezzo destinato al trasporto di presidi sanitari (come letti, materassi, sedie a rotelle, aste per flebo) forniti gratuitamente dall’associazione ai propri assistiti.

«Ringrazio la Polisportiva Amatori di Prato, tutte le istituzioni e gli sponsor che hanno reso possibile questa maratona di nuoto dichiara Giuseppe Spinelli, presidente di Att -. Un ringraziamento particolare all’amico Lorenzo Massai, ideatore di questa bellissima manifestazione. Il binomio sport e solidarietà è una modalità vincente per cercare di sostenere concretamente i malati di tumore e soprattutto per testimoniare vicinanza e partecipazione a loro e alle famiglie. Quest’anno ricorre il ventennale della nostra associazione e la Nuotata sarà una bellissima occasione per celebrare insieme questo importante traguardo. Dal 1999 a oggi conclude il presidente abbiamo curato oltre 14mila pazienti, entrando ogni giorno nelle loro case e facendoli sentire tutelati, sia dal punto di vista medico che degli affetti. E questo grazie a tanti amici e sostenitori che ci seguono con affetto e costanza».

«Questa manifestazione esalta lo sport come portatore di alti valori e come strumento per aiutare gli altri commenta Lorenzo Massai, ideatore e promotore dell’iniziativa -. Spero che in tanti diano la propria adesione».

Info: www.daportoaporto.it