Negativa la prestazione di Saccaggi
Negativa la prestazione di Saccaggi

AGROPOLI - MENS SANA

76-75 (22-16; 40-34; 58-48)


AGROPOLI: Soloperto 8, Langford 19, Delas 13, Silvestri ne, Santolamazza 12, Romeo 5, Contento 6, Amanti ne, Carenza 10, Lepre ne, Marra 3.
Allenatore Finelli
MENS SANA BASKET 1871: Masciarelli 4, Harrell 22, Mascolo, Campori ne, Vildera, Saccaggi 2, Flamini 23, Pichi, Myers 20, Tavernari 4.
Allenatore Griccioli
Arbitri: Gagliardi, Marton, Buttinelli

Doveva essere la gara giusta per riscattare la figuraccia contro Rieti, invece una brutta (almeno per 35’ abbondanti) Mens Sana cede anche ad Agropoli, ultima della classe, a secco di vittoria dal 5 dicembre. Il primo tempo è tutto per Delas e compagni, più reattivi e motivati difronte ad una squadra che pare priva di idee e determinazione. Alla sirena dell’intervallo Agropoli è comunque avanti di sei ‘sole’ lunghezze. Nel terzo quarto i biancoverdi nonostante qualche tentativo di rientro nel match sbattono con la difesa di Finelli e concedono a Carenza e Delas le triple che riportano portano sul 50-40 al 27’ i padroni di casa. In attacco i biancoverdi steccano (Flamini a parte), permettendo agli avversari di consolidare il vantaggio. A 10’ dalla fine la Mens Sana è sotto di dieci punti. Il 5-0 campano di inizio fa scappare Santolamazza e compagni che al 35’ volano sul 68-54. Poco dopo però, complice anche un antisportivo di Contento, Siena piazza un parziale di 12-2 che la porta sul 70-66.

Complicano tutto il quarto e quinto fallo di Myers (che viene anche espulso) ma nel convulso finale Harrell e compagni hanno un altro sussulto e addirittura la palla della vittoria ma la tripla dell’ex Tavernari sulla sirena si infrange sul ferro. Vince Agropoli, per Siena terzo, amarissimo, ko di fila. “La partita andava approcciata in una maniera completamente diversa – ha detto amareggiatissimo coach Griccioli – e parte un giocatore (Flamini, ndr) non siamo stati in grado di fare ciò che volevamo, facendo crescere la fiducia di Agropoli che invece era disperata vista la classifica. Io ci metto sempre la faccia ma è il momento che anche alcuni giocatori capiscano che ne va del proprio lavoro”.