Carabinieri
Carabinieri

Val di Magra, 27 novembre 2020 – Controllate trentanove autovetture e sessantasette persone - tra cui quindici stranieri - ed elevate sette contravvenzioni per violazioni al Codice della Strada; una sanzione amministrativa comminata anche ad un bar (dei cinque interessati) per violazione delle disposizioni anticovid. È il frutto del servizio coordinato disposto ieri dal Comando compagnia carabinieri di Sarzana, impiegando numerose pattuglie nella vallata del Magra, finalizzato a prevenire e contrastare il fenomeno dei furti in abitazione e ai danni degli esercizi commerciali, nonché a verificare il rispetto delle norme adottate a livello nazionale e locale per prevenire e mitigare la diffusione del contagio da covid.

Sono state impiegate 9 pattuglie e 18 carabinieri delle Stazioni dislocate nell’ambito della Compagnia e del Nucleo operativo e radiomobile di Sarzana, che hanno perlustrato e controllato un’ampia fetta del territorio provinciale, tra Calice al Cornoviglio e Luni, con particolare attenzione alle località decentrate del territorio ed alle abitazioni più isolate.

Nel contempo, una pattuglia di carabinieri è stata impegnata nel centro cittadino di Sarzana per verificare il rispetto delle regole anticovid, dal divieto di assembramento e di movimento al di fuori del Comune di residenza, se non per comprovato motivo, all’obbligo sull’uso delle mascherine e del distanziamento sociale.

Analoghi servizi preventivi e di contrasto ai furti – annunciano dal Comando - saranno ripetuti anche nelle prossime settimane, quando, con l’approssimarsi del periodo delle festività natalizie e di fine anno, statisticamente viene registrato un incremento dei reati contro il patrimonio ed in particolare dei furti in danno di abitazioni ed esercizi commerciali.

Per prevenire e contrastare i furti e le truffe ai danni delle fasce più deboli della popolazione, i carabinieri raccomandano di segnalare ogni movimento di veicoli ed individui sospetti, che, senza alcuno scrupolo ed approfittando anche di questo momento di emergenza e di minore serenità connesso alla diffusione del coronavirus, non hanno remora alcuna a colpire, specie nei confronti delle persone più anziane. Una particolare raccomandazione viene rivolta dai carabinieri a tutte quelle donne che, vittime di violenza domestica, sono costrette dalla pandemia ad una più prolungata permanenza in casa durante la giornata, affinché si rivolgano alle forze dell’ordine per segnalare e denunciare immediatamente ogni maltrattamento sofferto.