Scuola
Scuola

Sarzana (Spezia), 9 gennaio 2019 - Dodici aule del Liceo Parentucelli di Sarzana su 61 che si trovano nell’istituto ieri erano completamente al gelo, qualcuno ha resistito e con cappotto e cappello ha seguito le lezioni molti però, oltre un centinaio di studenti hanno deciso di scioperare. Gli autori della protesta sostengono infatti di aver denunciato i problemi all’impianto di riscaldamento già prima delle festività natalizie, concludeno amaramente che anche ora al rientro la situazione non è mutata. L’istituzione scolastica si è subito mobilitata la preside Vilma Petricone ha  chiesto l’intervento  dei tecnici della Provincia , il vice Massimo Caleo ha parlato con i ragazzi alcuni dei quali sono rientrati, altri sono rimasti fuori dai cancelli a protestare mentre c’è stato anche  chi è ritornato a casa. Di conseguenza su oltre 1.380 studenti che frequentano il liceo e la ragioneria sono stati oltre un centinaio a non partecipare alle lezioni.

Le aule al freddo sono soprattutto quelle del Parentucelli, secondo quanto spiegato l’impianto di riscaldamento è molto piu’ vecchio rispetto a quello della ragioneria dove tutte le aule erano calde.

I tecnici della Provincia comunque non si sono fatti attendere già prima delle 10 c’è stato un intervento che era guidato dal geometra Marco Rolla del servizio edilizia e patrimonio . «Vorrei subito specificare – ha affermato la dirigente Vilma Petricone – che già il 29 dicembre c’è stato un intervento da parte dei tecnici della Provincia per verificare la situazione del riscalmento.  Quindi non siamo rimasti inoperosi. Ora probabilmente riaccendendo i termosifoni andava verificato se l’intervento era andato a buon fine. Ieri mattina  ripetendo  il giro dell’istituto  è stato accertato che sono  solo 12 le aule che non funzionano su 61. Ora stiamo cercando una soluzione».

In serata il vice preside Massimo Caleo ha fatto il quadro della situazione: «C’è stato un controllo accurato da parte dei tecnici con i dirigenti dell’istituto vedremo se si riuscirà ad intervenire in modo che i riscaldamenti  funzionino anche in queste 12 aule. Nel caso non fosse possibile  e si renderanno necessari ulteriori lavori per risolvere definitivamente la situazione  l’impegno della Provicia è quello di mettere  provvisoriamente nelle aule al freddo termosifoni elettrici. Vericheremo quindi la situazione questa mattina all’apertura della scuola».

A quanto  sembra, dunque, anche questa mattina c’è il rischio che le aule restino ancora al freddo e di conseguenza che continui lo sciopero degli studenti.

C.G.