Giani e i loghi delle sei liste che lo sostengono (New Press Photo)
Giani e i loghi delle sei liste che lo sostengono (New Press Photo)

Firenze, 27 agosto 2020 - "Vinceremo al primo turno, non ci sono dubbi". Così Eugenio Giani, presentando a Firenze le liste che lo sostengono nella corsa alla poltrona di presidente della Regione alle elezioni del 20 e 21 settembre. L'attuale presidente del consiglio regionale è sicuro di un risultato a lui favorevole in queste consultazioni contro, tra i vari avversari, il centrodestra di Susanna Ceccardi. Da ricordare che la Toscana va al voto con la formula del doppio turno. Vince al primo turno chi raggiunge più voti e ottiene il 40% delle preferenze.

"La competizione elettorale sarà al primo turno, perché indubbiamente anche i sondaggi dicono che la nostra coalizione è oltre il 40%, quindi sul primo turno noi ci concentreremo sul fatto di chi vince", dice Giani.

«Stamani anche l'ultimo dei ricorsi che è stato presentato per la presentazione delle liste è stato accolto - dice Giani -. Sono sei liste che rappresentano un arco davvero bello, consistente, con ricchezza di programmi e prospettive che si presenta in tutti e 13 i colleghi. Correttamente l'autenticazione delle firme e delle caratteristiche delle candidature dà a questa coalizione un livello di presenza che non ha uguali negli altri schieramenti».

Nello schieramento di centrosinistra", ha proseguito Giani, "avremo liste più autenticamente di partiti organizzati, che hanno la loro storia, la loro cultura, come il Pd, come Iv, come il partito dei Verdi".

Ancora, "Sinistra civica ecologista, che è il frutto dell'aggregazione di quattro soggetti politici" e "la lista di Svolta, che consente di dare una risposta a tutto quel mondo cinquestelle che ritrova qui rappresentanti come Gabriele e come gli amici di Italia Comune, che hanno fatto parte di quel movimento". Infine la lista di Orgoglio Toscana che mette in campo "esponenti dell'amministrazione come di esperienze civiche, che la rendono la lista della società civile".

"Mi sento orgoglioso di una coalizione così vasta - ha detto Giani - di uno spirito di squadra che si sta creando, di programmi molto chiari che vedono al centro di questa coalizione le questione del lavoro e dell'impresa, della sanita' pubblica, della sostenibilita' dell'ambiente e contemporaneamente le infrastrutture, la cultura, lo sport, la sicurezza, i temi che ho ampiamente illustrato in questi anni".