Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
18 mag 2022

La bella favola di Zampoli Da Prato sul tetto d’Europa

Il giovane pratese, 22 anni e portiere di hockey, si è laureato campione in Portogallo. "La mia città un trampolino di lancio, poi ho dovuto lasciare tutto"

18 mag 2022
Stefano Zampoli, 22 anni, portiere di hockey, è campione di Europa
Stefano Zampoli, 22 anni, portiere di hockey, è campione di Europa
Stefano Zampoli, 22 anni, portiere di hockey, è campione di Europa
Stefano Zampoli, 22 anni, portiere di hockey, è campione di Europa
Stefano Zampoli, 22 anni, portiere di hockey, è campione di Europa
Stefano Zampoli, 22 anni, portiere di hockey, è campione di Europa

Dal PalaRogai al tetto d’Europa con la maglia del Trissino. E’ la favola di Stefano Zampoli, 22enne portiere pratese di hockey su pista, che si è appena laureato campione d’Europa in Portogallo al cospetto dei padroni di casa del Valongo. Una storia che va al di là del semplice aspetto sportivo, coronato da una finale vinta ai rigori con due penalty parati proprio dal portierone laniero di fronte a 1500 tifosi avversari a rendere infuocato il clima nel palazzetto. Ma che parla di sacrifici, della necessità di lasciare Prato per inseguire un sogno quando era ancora ragazzo, delle difficoltà da bambino a riuscire a trovare in città spazi adeguati per gli allenamenti, e della tenacia di chi un pezzo di Prato se lo porta sempre con sé. Zampoli è l’emblema di come in questa città continuino a nascere campioni che alimentano i serbatoi delle nazionali delle rispettive discipline, nonostante l’impiantistica sportiva sia inadeguata ai numeri e alle capacità degli atleti nostrani. "All’hockey su pista mi sono avvicinato quando avevo sei anni – racconta Zampoli -. Andavo in classe col figlio di Guerino Esposito (ex presidente dell’Hp Maliseti, ndr) e da lì non ho più smesso, fino a trasformarlo in un vero lavoro. Nelle giovanili ho giocato nell’Hockey Prato, eravamo una bella squadra, che mi ha consentito anche di essere convocato spesso in nazionale, con la quale ho partecipato a due Europei e a un mondiale. Prato è stata un trampolino di lancio, poi dopo un anno in serie B all’Hp Maliseti per crescere ho dovuto lasciare la mia città". Quattro anni in serie A1 a Monza da poco più che maggiorenne, poi la grande chiamata in Veneto al Trissino. "Arrivare più in alto di così è quasi impossibile - prosegue il portiere pratese -. Adesso dobbiamo arrivare in finale in ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?