Spazzini volontari all’opera: in 60 dalla Svizzera ripuliscono Volterra dai rifiuti

Si rinnova l’appuntamento con un gruppo di campeggiatori della chiesa evangelica che ogni settembre si reca sul colle etrusco per liberarla da erbacce e spazzatura

Alcuni dei protagonisti del gruppo di svizzeri

Alcuni dei protagonisti del gruppo di svizzeri

Volterra (Pisa), 26 settembre 2023 - Una tribù di 60 persone che intreccia varie generazioni e che, dalla Svizzera, ora in Toscana per una vacanza in campeggio sulla costa, giunge a Volterra per ripulire gli spazi pubblici da erbacce e rifiuti. E’ un appuntamento consolidato dal 2017 per un gruppo svizzero appartenente alla Chiesa Evangelica, che ogni settembre puntualmente si rimbocca le maniche e toglie la sporcizia in città. Un evento con la collaborazione di Comune, IdealCoop, Legambiente e Comunità Sorgente: arrivano dalla costa cecinese dove alloggiano in un campeggio e sono in 60, famiglie intere che attraversano generazioni, tutti muniti di guanti, rastrelli e scalpelli speciali nel nome del decoro di una città che è entrata nel cuore di questa comunità del Cantone di Berna.

"Puntiamo a una vacanza di qualità - spiega Silvio Zanella, a capo della delegazione svizzera - veniamo a Volterra dal 2017 per questo progetto rivolto all’ambiente e alla cura, che vuole agire per restituire qualcosa a un posto di cui siamo innamorati". Il ritrovo è a Docciola, con i saluti del vice sindaco Davide Bettini, di rappresentanti di Legambiente e Idealcoop. Poi, dopo un momento di canto e preghiera, la comitiva si sparpaglia per andare a ripulire i luoghi più sensibili, dal centro alla periferia. Sacchi, scope, rastrelli, guanti, buona volontà e amore per l’ambiente sono gli ingredienti di una giornata speciale, che è un vero e proprio dono alla città. Un gruppo seziona la zona di Docciola, mattone dopo mattone, scalino dopo scalino, e la ripulisce dallo sporco e dalle erbe infestanti che spuntano dalle bozze antiche. Gli altri gruppi, mamme, babbi, nonni e bambini, accompagnati dai volontari di Legambiente e di Comunità Sorgente, si occupano di togliere i rifiuti al parco del Bastione, alla Torricella, alle tombe etrusche di San Giusto. Ma non si limitano alle aree a loro assegnate, perché ogni cartaccia, mozzicone o rifiuto trovato per terra, viene subito intercettato dal volenteroso gruppo svizzero. La zona di Docciola è stata restituita al suo splendore, libera dalle erbacce che troneggiano nelle due rampe di scalinate. Il Bastione è stato ripulito dalle tracce della movida, mentre la zona di San Giusto ha visto i volontari impegnati a togliere vetri, bottiglie di plastica, lattine, persino palline da tennis dalle tombe etrusche e nell’area limitrofe.