Aggredito dai ladri in casa, l’ex pilota dal letto di ospedale: "Ho rischiato nel reagire"

Il racconto di Andrea Aghini, ex campione di rally picchiato da una banda. "A mente fredda dico che poteva finire peggio se avessero avuto un coltello"

Andrea Aghini, livornese, ex campione di rally
Andrea Aghini, livornese, ex campione di rally

Fauglia (Pisa), 29 gennaio 2024 – “A mente fredda dico che ho rischiato perché certe persone non ci pensano due volte a tirare fuori il coltello o a sparare con una pistola. Ma subito no. Non ho avuto paura. Ho reagito d’istinto. Ho steso uno dei ladri, ma poi sono piombati su di me in tre e non ho potuto fare più niente. Devo ringraziare le persone che, sentendomi urlare, sono arrivate dalla vicina autoscuola e a loro volta hanno cominciato a urlare. Così i quattro rapinatori sono scappati". Parla dal letto dell’ospedale di Cisanello dove è ricoverato da venerdì notte Andrea Aghini, ex campione di rally livornese, che negli anni Novanta vinse a Sanremo e successivamente è stato protagonista di altre belle imprese.

Venerdì sera Aghini è sceso in giardino per andare a trovare sua mamma che abita accanto. A un tratto è stato avvicinato da un uomo e poi da altri tre che l’hanno imbavagliato e colpito con calci e pugni provocandogli la frattura del setto nasale e di due costole e un trauma cranico. "Per questo mi trattengono ancora in ospedale – dice il pilota – perché vogliono vedere l’evolversi del trauma alla testa. Domani (oggi, ndr) mi faranno un’altra tac e poi decidono se dimettermi nel pomeriggio o martedì".

I malviventi, dopo averlo colpito, lo riportano di peso in casa e lo costringono ad aprire la cassaforte dalla quale predono due orologi di valore e altri preziosi. "Ma per la verifica di cosa hanno portato via i carabinieri aspettano il mio ritorno per un ulteriore sopralluogo", ancora il racconto di Andrea Aghini. Il fatto è successo al confine tra Fauglia e Collesalvetti. La casa di Aghini è nel comune di Fauglia, la strada in quello di Collesalvetti. Ci sono le telecamere sulla 206 e i filmati possono aiutare le indagini dei carabinieri. I rapinatori indossavano il passamontagna e non hanno mai parlato nè tra loro nè con la vittima. Si sono allontanati con una Audi A6 nera.

"Un bruttissimo episodio avvenuto al confine di Collesalvetti nei pressi della statale 206, zona dove i malviventi hanno avuto purtroppo facilità nel fuggire – le parole del sindaco di Fauglia Alberto Lenzi – Fortunatamente il Comune di Collesalvetti ha posizionato alcune telecamere che potranno essere utili ai carabinieri di Fauglia. A nome mio e di tutti i miei concittadini esprimo vicinanza e auguro pronta guarigione ad Aghini".