Serie B Nazionale. La Fabo per il colpaccio nella tana di Fiorenzuola. Ma Barsotti ammonisce: "Come contro una big»

La ventreesima giornata del campionato di Serie B Nazionale vede la Fabo Herons Montecatini affrontare una difficile trasferta contro i Fiorenzuola Bees. La squadra emiliana è molto forte in casa, ma gli Herons sono determinati a dimostrare il loro valore.

La Fabo per il colpaccio nella tana di Fiorenzuola. Ma Barsotti ammonisce: "Come contro una big"
La Fabo per il colpaccio nella tana di Fiorenzuola. Ma Barsotti ammonisce: "Come contro una big"

La ventreesima giornata del campionato di Serie B Nazionale per la Fabo Herons Montecatini significa trasferta sul parquet più difficile del Girone A. No, non si tratta del PalaMacchia di Livorno quando giocano Pielle o Libertas, bensì del piccolo palazzetto di Castell’Arquato, dove i Fiorenzuola Bees padroni di casa non perdono praticamente mai. La squadra emiliana infatti fra le mura amiche ha un ruolino di marcia di 8 vittorie e 2 sole sconfitte (proprio contro la Livorno piellina e Crema), inferiore soltanto a quello degli stessi Herons e migliore persino delle altre due compagini che con i rossoblù condividono la vetta della classifica, ovvero le rappresentanti della Livorno cestistica. Una squadra quella gialloblù che oltre ad esaltarsi davanti al proprio pubblico gioca una pallacanestro moderna, frizzante, che il giovane tecnico Lorenzo Dalmonte ha cucito su misura sul talento dei propri esterni Sabic e Venturoli, tiratori implacabili in grado di accendersi dal nulla: "Dobbiamo metterci in testa che andiamo ad affrontare una big del campionato, perché in casa Fiorenzuola vale le migliori squadre della categoria e l’occasione richiederà dunque una prestazione sulla stessa falsariga di quelle che metteremmo e abbiamo messo in campo contro avversari magari più blasonati ma non meno insidiosi –commenta coach Federico Barsotti –. Le scorie della sconfitta di Caserta non sono ancora state smaltite, nel senso che in allenamento ho visto ancora i ragazzi con la giusta rabbia nonostante la bella prestazione contro Cassino. Questa voglia di far vedere che noi non siamo quelli dell’ultima trasferta, ma piuttosto quelli che da inizio stagione stanno facendo un campionato di vertice, spero ci dia energia a sufficienza per affrontare questa complicatissima sfida, anche perché di energie ce ne vorranno tante considerato che ancora una volta non saremo al completo". Carpanzano infatti ancora non ha recuperato appieno dal problema muscolare che lo affligge ormai da qualche settimana e si appresta a dare nuovamente forfait, mentre continua il processo di inserimento di Matej Radunic: "Ogni allenamento che passa lo vedo sempre più dentro ai nostri schemi e al nostro gioco e questa non può essere che una buona notizia – rivela il tecnico rossoblù – Contro Cassino abbiamo visto quello che Matej può dare a questa squadra, ovvero più controllo dell’area anche e soprattutto nei rimbalzi difensivi e anche contro Fiorenzuola, che fa dei rimbalzi in attacco e degli extrapossessi una fonte importante del proprio gioco".

Filippo Palazzoni