Il post-partita delll’allenatore biancorosso: "Puntare su velocità e percentuali ha pagato». Brienza: "Abbiamo fatto qualcosa di speciale»

Pistoia sconfigge Bologna con una tattica vincente basata sull'intensità difensiva e sul gioco veloce, ottenendo una vittoria storica. Il coach Brienza sottolinea l'importanza della concentrazione e dell'efficacia al tiro. La squadra si avvicina ai playoff dopo aver garantito la permanenza in Serie A.

Brienza: "Abbiamo fatto qualcosa di speciale"

Pistoia sconfigge Bologna con una tattica vincente basata sull'intensità difensiva e sul gioco veloce, ottenendo una vittoria storica. Il coach Brienza sottolinea l'importanza della concentrazione e dell'efficacia al tiro. La squadra si avvicina ai playoff dopo aver garantito la permanenza in Serie A.

Si parla spesso di partita perfetta quando si fa riferimento ad una vittoria contro una grande squadra. Pistoia magari non avrà giocato la partita perfetta, ma sicuramente ha fatto qualcosa di speciale, di incredibile e alla fine ha fatto meglio di Bologna. "Per pensare di vincere contro una squadra come la Virtus – dice Nicola Brienza – devi fare qualcosa di speciale e sperare che magari loro si incastrino. Abbiamo visto che giocare a metà campo contro di loro era difficile, ci mancano peso e fisicità e allora l’idea è stata quella di correre e di giocare sulle percentuali".

Una tattica che ha dato i suoi frutti perché l’Estra dopo un primo tempo in cui è stata in difficoltà, nel terzo e quarto periodo non solo ha alzato l’intensità in difesa ma ha iniziato a giocare un corri e tira che ha svoltato di fatto la partita. "Nel primo tempo non abbiamo fatto male – afferma , Brienza – abbiamo però subito alcuni canestri facili e perso troppi palloni in maniera banale. Nel secondo tempo siamo stati più bravi ad evitare di prendere un certo tipo di canestri, abbiamo controllato i rimbalzi e abbiamo giocato in velocità, poi ci sono state le percentuali che hanno fatto la differenza e lì siamo stati sia bravi che fortunati. L’unico modo per poter competere era quello di mettere grande attenzione evitando regali inutili e alzare le percentuali al tiro. Partendo dalla difesa e da una maggiore concentrazione su alcuni particolari abbiamo creato l’opportunità di poter correre e questo ha messo in difficoltà la Virtus".

Una vittoria storica, un’altra dopo quella di Milano, che testimonia la grandissima stagione che sta disputando Pistoia che intanto ha raggiunto l’obiettivo stagionale della permanenza in serie A e adesso, con il sesto posto in classifica, può pensare di agguantare anche i playoff. "È vero – ammette il tecnico biancorosso – siamo matematicamente salvi e adesso ci giochiamo lo sprint finale per provare ad entrare nei playoff".

Maurizio Innocenti