Gli investitori guardano ai monti. Venduti il pub e l’infermeria Smi

Sono stati acquistati all’asta: “La Stazione“ di Gavinana per 142mila euro e il terzo lotto di Campotizzoro per 45mila euro, qui l’acquirente potrebbe essere, in attesa di conferma, un’azienda meccanica della zona.

Questa settimana si chiude con l’acquisto, all’asta, di due d’immobili particolarmente interessanti. Si tratta del Pub La Stazione, a Gavinana, e dell’ex infermeria della Società Metallurgica Italiana, a Campo Tizzoro, questo dopo che, la settimana scorsa, erano stati acquistati i due lotti che di fatto componevano il museo della Smi, per la cifra complessiva di 240mila euro. Il "Pub La Stazione" è stato venduto per 142mila euro dopo che, per cinque volte consecutive, a partire dal 21 aprile del 2020, non si era proposto nessuno per l’acquisto. Il prezzo base allora fu fissato in 335mila euro, poi scesi a 252mila, successivamente a 189mila, infine l’immobile ha finalmente ottenuto il gradimento per 142mila, ma ancora l’acquirente è sconosciuto. Numerose le ipotesi, ma fino alla conclusione degli adempimenti burocratici, probabilmente rimarrà ignoto. Esprime un cauto ottimismo il sindaco di San Marcello Piteglio, Luca Marmo: "E’ positivo che la situazione si sia sbloccata, è uno spazio interessante, che può offrire servizi utili, magari agli impianti sportivi presenti nell’area. L’amministrazione è come sempre disponibile al confronto con quanti si fanno parte attiva nel rafforzare l’offerta della nostra Montagna e questa mi sembra abbia le potenzialità per essere un’occasione. In attesa di sapere quale destinazione avrà, prendiamo nota che una luce si riaccende e sembra rinascere un’attività, quindi manifestiamo la disponibilità a interloquire in attesa che questa ci venga richiesta".

Per quanto riguarda invece il terzo lotto della Smi, meglio noto come l’infermeria, ci sono voluti 45mila euro e anche in questo caso il nome dell’acquirente non è ancora noto. Potrebbe trattarsi di una impresa meccanica insediata nel Comune, ma si tratta solo di voci in attesa di conferma. Anche in questo caso il sindaco, Luca Marmo, si manifesta ottimista: "I fabbricati nella zona ex Smi sono prevalentemente, ma non totalmente, a destinazione museale, mi preme ribadire che l’amministrazione ha come primo interesse la conservazione di tutto quello che può attrarre persone sul suo territorio, siano escursionisti o imprenditori. La nostra disponibilità a sostenere le iniziative è massima, aspettiamo solo di sapere chi ha comprato i beni per poterci parlare e sostenere le iniziative che ci saranno eventualmente proposte". Complessivamente nel giro di pochi giorni sono stati investiti oltre 400mila euro in due frazioni, Campo Tizzoro e Gavinana. Rimangono ancora molti gli immobili in cerca di un destino migliore, però se la tendenza rimane questa, potrebbe essere un buon segno.

Andrea Nannini