Pisa Book festival

Pisa, 6 novembre 2018 -  Si aprirà con la tradizionale anteprima di giovedì a Palazzo Blu anche questa sedicesima edizione del Pisa Book Festival, in programma da venerdì 9 a domenica 11 novembre al Palazzo dei Congressi di Pisa. Giovedì 8 alle 17 si alzerà il sipario su Fabularium. Piccolo catalogo illustrato, la mostra dedicata ai bambini che, nella ex Biblioteca di Palazzo Blu, rende omaggio alla Spagna, il Paese Ospite d’Onore del Pisa Book Festival, e che esporrà, fino al 17 febbraio 2019, le bellissime tavole realizzate da Ester García con la Selecciòn Natural di Darwin, l’ironia di Por qué los gatos no se llevan sobrero, e l’impegnato El màs ràpido. Le illustrazioni di Fabularium faranno compagnia alla mostra sul surrealismo “Da Magritte a Duchamp”, la grande esposizione autunnale ospitata a Palazzo Blu. Come sempre, i bambini delle scuole o con le loro famiglie potranno fermarsi nella sala del piano terra e disegnare con i materiali messi a disposizione dalla Fondazione, ispirati dai disegni precisissimi e suggestivi di Ester García. L’ingresso a Fabularium sarà gratuito e seguirà l’orario di apertura della mostra “Da Magritte a Duchamp”.

Alla inaugurazione di giovedì 8 novembre sono invitati a partecipare tutti, soprattutto i bambini che, al Palazzo dei Congressi, nel corso del Pisa Book Festival, potranno incontrare la bravissima illustratrice spagnola (sabato 10 alle 16 e alle 17 e domenica 11 negli stessi orari, nello spazio junior, laboratori di illustrazione per i più piccini). Domenica 11 alle 11, in sala video, con Ester García, Raquel Ligero e Maria Chiara Favilla, laboratorio per tutti “Come ti illustro la mia storia”. - Libri e laboratori per i più piccini. Nello spazio Junior tre giorni fra libri e laboratori con le migliori case editrici indipendenti dedicate all’infanzia Come sempre, il Pisa Book Festival rivolge grande attenzione ai più piccoli che, nello Spazio Junior allestito dentro il Palazzo dei Congressi e aperto ai bambini fra i 5 e gli 8 anni, potranno partecipare alle tantissime attività organizzate dalle migliori case editrici indipendenti dedicate all’infanzia.

Si parte venerdì 9 con i laboratori sulle emozioni e di giornalismo ideati da Città Nuova Edizioni (ore 10 e 11), mentre nel pomeriggio ci si divertirà con Filosofando si cresce (Nuova Frontiera), Teste di zucca (Edizioni Creativa), Le bestie e le bestioline di Kalandraka (Kalandraka Edizioni), Giochiamo con i caratteri cinesi (Istituto Confucio Scuola Superiore Sant’Anna).

Sabato 10, la mattinata inizierà alle 11 con Odio la grammatica! (Parapiglia Edizioni) per riconoscere assieme ad Emanuela Da Ros, attraverso aggettivi, verbi, pronomi, il vero significato dell’amore e dell’amicizia; si prosegue alle 12 con Un mare di plastica: Sybilla e il riscatto dei bipedi (Noctua Book), per imparare, attraverso la storia di Sybilla, la bottiglia di plastica che compie un lungo viaggio in mare, a costruire polpi, meduse e pesci con le bottiglie riciclate e rendere più pulito il mare. Si riprende alle 15, fra gufi e civette, per ascoltare i suoni della natura e imparare a conoscere i comportamenti degli uccelli con Anche i gufi parlano: diventa un birdwatcher (Noctua Book); alle 16 largo alla fantasia con Le bestie e le bestioline di Kalandraka e l’illustrice Raquel Liguero. I due laboratori saranno replicati anche domenica.

Sempre sabato, alle 18 Io, tu, l’altro: tutti abbiamo un sogno (Edizioni Leucotea), giochi e riflessioni su accoglienza e tolleranza attraverso la lettura, in compagnia di Melania Soriani e di Andrea Iacomini, portavoce Unicef Italia. Gran finale domenica 11, alle 18 con Angeli in bicicletta, una storia di Natale con biscotti (EWWA), il laboratorio di decorazione dei biscotti in compagnia di Francesca Pace. Dettagli e modalità di partecipazione al programma dello Spazio Junior al link: http://www.pisabookfestival.com/junior/ - Il programma: gli eventi da non perdere per i giovanissimi. Le meraviglie della natura, fra filosofia, matematica e amore per il nostro pianeta e le sue creature Tre giorni pieni di appuntamenti per bambini e ragazzi alla scoperta della natura e delle sue meraviglie. Ma anche di libri e incontri con gli autori per avvicinarsi al mondo della filosofia, della matematica e della scienza, fra viaggi in luoghi reali e fantastici o nella memoria.

Venerdì 9 alle 10, Emiliano Di Marco presenta il suo Abbecedario filosofico (La Nuova Frontiera), sabato 10 alle 10 è l’occasione per riappacificarsi con i numeri, nell’incontro con Emanuela Da Ros, autrice di Odio la matematica (Parapiglia Edizioni). La natura, con i suoi paesaggi, gli animali e gli insetti sarà protagonista di numerosi eventi e presentazioni. Si parte venerdì 9 alle 10 con Il grillo del rosmarino e altre favole nel bosco (Pacini Editore), seguirà alle 12 l’incontro con Franco Sacchetti che, attraverso All you seed is love (Lef – Libreria Editrice Fiorentina), racconterà il potere creativo della natura e dei nostri pensieri positivi da essa ispirati. Alle 14 il Pisa Book Festival alzerà il sipario sulla Tv di Kalandraka, il canale televisivo online diretto da Lola Barcelò e dedicato a professionisti del libro, creativi, illustratori e famiglie. Le bestie e le bestioline di Kalandraka troveranno spazio sabato 10 alle 11 e domenica 11 alle 15 e alle 17, con l’illustratrice Raquel Ligero , mentre di animali della notte, gufi e lupi si parlerà sabato 10 alle 16 assieme all’ornitologo Marco Mastrorilli e alla biologa Alice Cipriani, con un dibattito e una videoproiezione a cura di Noctua Book. Viaggi alla scoperta di mondi lontani, fra confini disegnati sulle mappe o nelle nostre geografie interiori. Si parte sabato 10 alle 11 con Joseph Farrell e le avventure di Stevenson in Samoa; piccole riflessioni sui viaggi di carta che ci fanno immaginare il mondo con Paolo Ciampi e Il sogno delle mappe (Ediciclo), in programma sabato 10 alle 12. Una favola … nerazzurra è invece quella che la giornalista Chiara Cini racconterà domenica 11 alle 16 in compagnia dell’illustratrice Bianca Wolkenstein Braccini e Marco Castellano, alla prima assoluta de Il calcio a Pisa raccontato ai bambini (Goalbook Edizioni).

Fantasia a tutto campo, venerdì 9 alle 11, con Teste di zucca (Edizioni Creativa), di Filippo Di Biagio, che a sette anni ha scritto un libro di racconti dell’orrore per vincere le sue paure. Per sensibilizzare i giovanissimi su temi attuali come bullismo e mafia, sabato 10 alle 12, arriveranno Gianni Bianco e Giuseppe Gatti con Alle mafie diciamo Noi (Città Nuova Edizioni), e le storie di tanti cittadini comuni che hanno trovato la forza di ribellarsi ai boss, mentre, sempre a cura di Città Nuova Edizioni, domenica 11 alle 13, con Alberto Rossetti, Simone Cosimi e Gabriela Jacomella si parlerà di Bullismo online. Come proteggere bambini e adolescenti? - Scuole protagoniste. Gli studenti alla scoperta dell’editoria indipendente La promozione della lettura fra le giovani generazioni e la promozione del libro scritto caratterizzano lo spirito della collaborazione fra il Pisa Book Festival, le biblioteche e le scuole di ogni ordine e grado.

Anche quest’anno, come nelle passate edizioni, il PBF ripropone il progetto #LeggereaScuola che coinvolge gli studenti in veste di lettori scout, critici letterari e presentatori. Fra le sale e gli stand dei 160 editori, il Palazzo dei Congressi accoglierà la carica degli studenti pronti a scoprire anteprime e novità, incontrare gli autori e partecipare alle decine di eventi in programma. Presenti, come ogni anno, gli studenti del Liceo Galilei per i quali, spiega la docente Anna Maria Chiummo, “l’appuntamento col PBF ha rivelato una crescente ricaduta sulla motivazione alla lettura: un alimento necessario per la formazione di un pensiero adulto e critico. La partecipazione ai tre giorni di questa edizione contribuirà a tenere alta l’attenzione su quella cultura del libro scritto che, fortunatamente, si è rivelata ben più tenace di ogni contraria profezia”. I ragazzi del Galilei presenteranno l’opera di Dario Levantino, Di niente e di nessuno (Fazi Editore) e Heidi, il brillante romanzo di Francesco Muzzopappa, Cinque cerchi e una stella. Shaul Ladany, dal Bergen Belsen a Monaco ‘72 (Add Editore) di Andrea Schiavon. Diverse sono le classi che approfitteranno delle lezioni di scrittura che ogni anno il Festival organizza come progetto di educazione permanente e che sono aperte al pubblico: venerdì alle 10 il Mestiere di scrivere con Sebastiano Mondadori e domenica alle 10 Scrivere la Storia con Alberto Banti. L’aria internazionale che si respirerà nei tre giorni del PBF coinvolgerà anche i ragazzi del Liceo Carducci che saranno coinvolti attivamente in questa edizione dedicata alla Spagna. Incontri con gli scrittori spagnoli Rosa Montero, Mariana Torres e Roberto Osa e con lo scozzese Joseph Farrell.

“Da settembre i nostri ragazzi si preparano a questo appuntamento con i libri e gli scrittori internazionali – spiega Maria D’Ascanio, docente di lingua spagnola -. La lettura del romanzo di Mariana Torres in lingua originale ha entusiasmato i nostri studenti tanto da motivarli a realizzarne una traduzione di cui faremo omaggio alla scrittrice. Le nostre classi, multilingue grazie alla presenza di studenti di diversa nazionalità, hanno inoltre realizzato una traduzione in italiano, francese, inglese, cinese, arabo e romeno del suo cortometraggio”. Si preparano al debutto fra gli stand e gli eventi del PBF gli studenti della Scuola Media Castelnuovo Garfagnana, al loro primo confronto con l’editoria indipendente.

“Fin dalle prime edizioni la nostra scuola segue il PBF – dice la docente Teresa Lopponi – e finalmente, da quest’anno, i nostri ragazzi potranno parteciparvi, spinti anche dall’interesse dei loro genitori. Essere presenti a questa rassegna è per tutti i ragazzi un evento unico e che certamente potrà motivarli nell’apprezzare di più e ancora meglio il libro e la carta, abituati oggi a tenere eccessivamente in mano il telefonino”. Gli studenti di Castelnuovo parteciperanno alla presentazione del libro di Franco Sacchetti, All you seed is love (LEF), per loro tappa di un viaggio nella natura iniziato nelle terre della Garfagnana, fra sentieri e vie poderali, e nei territori della Toscana fra cultura, identità e testimonianze.