Mariano Bizzarri Ollandini
Mariano Bizzarri Ollandini

Pisa, 11 settembre 2018 - Il Professor Franco Gallo, ex ministro della Repubblica Italiana, avvocato, scrittore e professore emerito di diritto tributario, nella veste di Presidente dell'Istituto della Enciclopedia Italiana ha insignito dell’Attestato di Benemerenza Mariano Bizzarri Ollandini come “Mecenate della Cultura” per il sostegno alla missione di Treccani nel diffondere il grande patrimonio culturale italiano, inoltre in una lettera di accompagnamento all’attestato di benemerenza veniva puntualizzato: "Le siamo vivamente riconoscenti per l’attenzione e la dedizione dimostrate verso l’Istituto della Enciclopedia Italiana , importante motivo di orgoglio e ulteriore stimolo a proseguire il nostro impegno nella diffusione della cultura, attraverso le nostre opere, da sempre attente alle esigenze di un mondo in continua evoluzione ”.

“ E’ stata una bella ed inaspettata sorpresa – ha dichiarato Mariano Bizzarri Ollandini – ma il grande merito di questa mia passione nel favorire le arti e la letteratura è da attribuire a mio padre Francesco Bizzarri grande appassionato e collezionista di quadri ma anche di enciclopedie e prestigiosi libri di importanza e di rilevanza storica. Ma la Musa ispiratrice, nonché mia prima sostenitrice in tutti gli investimenti a sostegno della cultura, è mia madre Ginevra Ollandini che dalla sua eredità ha saputo archiviare e curare opere d’arte e tomi provenienti dalle collezioni raccolte nel tempo dalla sua nobile famiglia Ollandini Serlupi Crescenzi. - Ho sempre operato per puro mecenatismo – ha concluso Mariano Bizzarri Ollandini – e senza scopo di lucro, per dare un contributo al mio territorio ed al mio Paese attraverso un’opera di sensibilizzazione perché il mio obbiettivo è promuovere e sostenere valori di nutrimento culturale, mantenendo il mio impegno anche sulla filantropia e sul sociale che sono ambiti indispensabili in questo momento storico in cui la società attuale è una centrifuga che azzera in pochi istanti ogni stabilità ” .

Mariano Bizzarri Ollandini è collezionista di opere pittoriche dell’artista pisano Otto Pamio (scomparso nel 2008) del quale è stato mecenate ma anche amico, con la passione in comune per la storia del territorio ma soprattutto per la città di Pisa, le sue tradizioni/manifestazioni storiche, i suoi monumenti, le sue chiese e le sue piazze. Mariano Bizzarri Ollandini è stato altresì concreto sostenitore di numerosi libri sia di autori/scrittori/giornalisti pisani, che di case editrici locali e regionali ma anche di cataloghi di importanti mostre per le quali ha anche contribuito economicamente affinchè si potessero realizzare (si ricordano alcune: Sovrani nel giardino d’Europa - Pisa e i Lorena - Palazzo Reale Pisa - / Tutti in moto! Il mito della velocità in cento anni di arte / Goya e Guido Reni – Tesori d’arte -/ La Trottola e il Robot. Tra Balla, Casorati e Capogrossi al Palp di Pontedera ) perché ha sempre sostenuto che l’arte, la cultura e le tradizioni storiche del territorio devono essere condivise e tramandate.

Mariano Bizzarri Ollandini è un imprenditore esigente ed intransigente ma ricco di una sensibilità inaspettata ed una generosa attenzione agli altri che l’hanno reso molto apprezzato in tutti gli ambienti cittadini. La sua visione strategica e la sua determinazione assoluta gli hanno permesso di superare gli ostacoli che ha incontrato nel suo percorso professionale perché riconosceva l’obiettivo anche in scenari diversi, forse perché legge dentro le cose e le persone ma soprattutto perché è un’instancabile lavoratore. Autoritario ma autorevole, tanto che ha ricevuto l'onorificenza per essersi distinto come giovane imprenditore nell'anno 2013 e quattro anni dopo, nel 2017, ha ritirato un altro riconoscimento per la sua capacità dirigenziale all’interno del Corpo Guardie di Città ma anche per la grande professionalità e competenza nel ruolo di Dirigente Nazionale di Assicurezza (dal 19.02.2015 Mariano Bizzarri Ollandini è membro della giunta nazionale Assicurezza/Confesercenti).