Quotidiano Nazionale logo
15 mag 2022

La storica Villa Amalia si aprirà ai visitatori

La famiglia Franchini prende parte, caso unico in tutta la . Valdinievole, a "Giardini aperti". domenica 22. Ingresso gratuito

Alberi secolari nel parco «romantico» di Villa Amalia-Franchini
Alberi secolari nel parco «romantico» di Villa Amalia-Franchini
Alberi secolari nel parco «romantico» di Villa Amalia-Franchini

Domenica 22 maggio si terrà in tutta Italia "Giardini aperti", organizzata dall’Associazione Dimore Storiche, che raggruppa ville, palazzi, castelli di alto pregio storico-artistico rimasti di proprietà privata. L’apertura di questi giardini – diretta a diffondere consapevolezza del ruolo cruciale di conservazione e valorizzazione svolto dalle famiglie nell’interesse della stessa comunità – costituisce un’occasione preziosa di visita di siti esclusivi, normalmente inaccessibili al pubblico.

Quest’anno sarà aperta anche una dimora della Valdinievole e precisamente di Villa Amalia (o Villa Franchini) di Borgo a Buggiano. Si tratta di avvenimento eccezionale, dato che la villa, pur finora nota per eventi privati di grande rilievo sociale e culturale, è da molte generazioni custodita gelosamente dalla famiglia Franchini, una delle più antiche e illustri della nostra zona, che ben di rado la rende appunto visitabile.

L’edificio risale al 1750 circa, ma il suo aspetto attuale è della seconda metà del XIX secolo, quando avvenne un’importante ristrutturazione, a seguito della quale la famiglia Franchini vi fissò la propria residenza principale. E’ denominata villa Amalia in memoria della nonna dei due proprietari: il professore Lorenzo e l’avvocato Stefano Franchini. Si caratterizza per gli splendidi affreschi delle facciate e delle stanze, chiamate ognuna per colore, attribuiti al grande pittore dell’Ottocento pisano, Nicola Torricini, lo stesso di Palazzo Blu sul Lungarno.

Sempre all’interno, si trovano cimeli di avi importanti, come lo sfortunato generale Enrico Tellini, la cui vicenda, occorsa nel 1923, dette luogo a una famosa crisi internazionale.

Il giardino della villa, il quale si connota per la impressionante “verticalità”, consta di un viale che sale verso l’ingresso della casa, contornato da due boschetti laterali ed è improntato al gusto romantico, con quinte di bambù, alberi secolari, sculture di bosso e alloro, aiuole asimmetriche fiorite. L’ingresso sarà gratuito.

Mai

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?