Polizia stradale
Polizia stradale

Montecatini Terme, 6 dicembre 2019 - Nella mattinata di giovedì  il personale della Squadra mobile della questura di Pistoia, coadiuvato da agenti del compartimento della polizia stradale di Firenze e della sezione della polizia stradale di Pistoia, ha arrestato G.P., un ispettore della polizia di Stato, originario di Lucca e in servizio alla sottosezione della polizia stradale di Montecatini Terme, con sede presso il casello autostradale, cui appunto compete il controllo dell’intera A11 Firenze-Pisa Nord.

L’arresto è avvenuto in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere, che è stata emessa dal giudice per le indagini preliminari (Gip) di Pistoia, Luca Gaspari, su richiesta del procuratore della Repubblica pistoiese Giuseppe Grieco e del sostituto procuratore della Repubblica Leonardo De Gaudio. La difesa sarebbe stata affidata all’avvocato Cristiano Baroni del foro di Lucca.

La misura cautelare – viene spiegato dagli inquirenti – è stata disposta sulla base dei gravi indizi raccolti dagli investigatori della Squadra mobile diretta dal vicequestore Antonio Fusco, a esito di un’attività investigativa durata circa un anno, in merito ai reati di corruzione per asservimento della funzione, truffa aggravata – anche ai danni dello Stato – circonvenzione di incapace, traffico di influenze illecite, riciclaggio ed autoriciclaggio.

La notizia ieri sera si è presto sparsa anche fra le forze dell’ordine attive in Valdinievole e in particolare fra i colleghi della polizia, creando ovviamente sconcerto. Anche se, come sottolineano gli stessi inquirenti, le indagini a carico dell’ispettore andavano avanti già da qualche tempo, facendo quindi temere un esito particolarmente grave degli accertamenti giudiziari. C’è adesso attesa per capire i particolari delle vicende in cui l’ispettore è rimasto coinvolto, fino a portarlo addirittura in carcere. Questa mattina sono attesi ulteriori chiarimenti da parte dell’autorità giudiziaria pistoiese, la quale si trova fra le mani un caso particolarmente scottante e che non mancherà di avere un’eco mediatica non indifferente anche al di fuori della Toscana.
© RIPRODUZIONE RISERVATA