ENRICO BALDINI
Sport

Matteo Verdi. Pontremolese, il capitano promosso allenatore: "Orgoglioso dell’incarico»

Colpo a sorpresa del presidente Aprili: "Ripartiamo più forti di prima"

Pontremolese, il capitano promosso allenatore: "Orgoglioso dell’incarico"

Pontremolese, il capitano promosso allenatore: "Orgoglioso dell’incarico"

Un vero e proprio colpo di scena. Il presidente Pier Giorgio Aprili ha tirato fuori dal cilindro il nome che nessuno s’aspettava: Matteo Verdi. Già, proprio l’uomo che per anni è stato capitano della Pontremolese. Da l’altra sera è il nuovo allenatore dell’Azzurra. Una mossa che non deve sorprendere, infatti il suo nome aveva preso a circolare da diversi giorni quando l’area tecnica aveva capito che la pista Ruvo non era percorribile. Una scelta quella della società di piazza Caduti di Superga per cancellare una stagione altamente deludente e indirizzata a riportare nuove vibrazioni positive. Adesso tocca a Matteo Verdi aprire un nuovo ciclo, la carriera calcistica sono una garanzia del nuovo tecnico, alla sua prima esperienza come direttore d’orchestra.

"La decisione di promuovere sul campo Verdi è una prima scelta in quanto uomo di fiducia – afferma Aprili –, persona carismatica, uno della Pontremolese. Ripartiamo più forti di prima". L’altra sera nella sede del centenario club si respirava grande entusiasmo con Aprili, Lecchini, Pinotti e Verdi caricato a mille: "Orgoglioso di essere qui – ha detto presentandosi il nuovo tecnico –, ringrazio Lecchini-Pinotti, la società per avermi dato questa opportunità. Cosa mi ha convinto a passare dal campo alla panchina? L’idea di muovere il primo passo da allenatore della Pontremolese l’ho sempre cullata. In società c’è lealtà e lungimiranza. Cosa prometto? Dopo la delusione vogliamo toglierci delle soddisfazioni ripartendo forte per fare un grande lavoro. La società è ambiziosa, io pure, mi piace arricchirmi lavorando e migliorare quanti lavoreranno con me. Mi tuffo in questa nuova veste per costruire qualcosa di importante che il club merita di ritrovare. Vero, ci aspettano tante difficoltà e per superarle cercheremo di allestire una squadra robusta in ogni reparto per essere protagonista in Promozione".

Sulle prospettive del nuovo organico Verdi non si sbilancia. "Si deve ripartire da chi vuole stare in azzurro. Il mio obiettivo è quello di formare un gruppo fatto di tanta saggezza e freschezza per arrivare a centrare il risultato sportivo e questo di fatto diventerebbe un capolavoro". Fra i riconfermati ci sono i nomi di Cacchioli, Miceli, Grasselli, Scaldarella, Vignozzi, Parmigianni e i giovani Bernieri e Pezzoni. Volto nuovo quello di Olebogeng Tebogo Mathibedi. La società sta lavorando anche alla composizione dello staff tecnico di Verdi. Al momento, definito il ruolo del preparatore atletico: è stato scelto Simone Menichetti, patentino Uefa B, confermato Lorenzo Tanzi al recupero infortuni.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su