Operazione sicurezza. Micropali sotto la strada chiusa ormai da 10 anni per renderla stabile

Avanti i lavori su via Guadagni con 1,5 milioni della Regione. Franata nel 2014

Operazione sicurezza. Micropali sotto la strada chiusa ormai da 10 anni per renderla stabile
Operazione sicurezza. Micropali sotto la strada chiusa ormai da 10 anni per renderla stabile

Vanno avanti in maniera spedita i lavori di messa in sicurezza in via Guadagni a Montignoso. L’appalto da 1,5 milioni di euro rappresenta il secondo lotto di intervento, dopo il precedente da 2,1 milioni, che ha l’obiettivo di restituire a Montignoso una strada ormai chiusa al traffico da quasi un decennio. Un percorso che si inerpica lungo i versanti che corrono alle spalle della Fortezza Aghinolfi con un panorama che si apre sulle colline del paese e sulla costa.

Il cantiere è stato consegnato dal Comune alla ditta appaltatrice a novembre e nei giorni scorsi il sindaco Gianni Lorenzetti ha voluto toccare con mano l’avanzamento dei lavori. "La fase di posa dei micropali per la messa in sicurezza è quasi completata – spiega il primo cittadino – e stiamo procedendo con la sistemazione idrogeologica dei versanti in frana per poi passare alle opere propedeutiche per la posa della nuova asfaltatura. Un intervento cruciale per la nostra comunità possibile grazie al finanziamento di 1,5 milioni di euro dalla Regione".

Le fasi chiave del progetto includono il posizionamento di micropali lungo il percorso franato, per garantire una struttura solida e sicura al passaggio di veicoli e pedoni. La regimazione delle acque contribuirà poi a prevenire problemi legati agli allagamenti, preservando la stabilità e la durabilità della strada nel tempo. L’intervento in corso riguarda un tratto di circa un chilometro che sarà anche asfaltato, migliorando l’aspetto estetico, la fluidità del traffico e, soprattutto, la sicurezza stradale. La conclusione dei lavori è prevista per il prossimo agosto. La strada era stata colpita da diverse frane in passato: dopo una prima chiusura al traffico veicolare, nel 2014 era stata chiusa del tutto al transito a causa di un secondo movimento franoso di grande dimensione. Una volta riaperta permetterà di collegare in maniera diretta la frazione di Piazza con Cerreto. Un percorso alternativo alla tradizionale strada che porta fino a Villa Schiff e permette a chi vive in collina di costeggiare il castello e scegliere se entrare in paese tramite la strada che guarda al Relais & Chateaux il Bottaccio, o finire a pochi chilometri da Pietrasanta.

Montignoso, come gran parte del territorio, continua a fare i conti con la fragilità del territorio. L’ultima frana in località Carnevale era stata provocata dal nubifragio di inizio novembre e aveva costretto all’evacuazione di tre famiglie dalle case minacciate dallo smottamento. La strada è stata riaperta ma restano due case inagibili. Si aspetta la risposta della Regione per i finanziamenti necessari, legati allo stato di emergenza. Era stata chiusa anche la strada provinciale 1 in località Corsanico, sempre a causa di una grossa frana, poi riaperta con reti paramassi e geoblocchi.