Incontro per salvare La Rocca: "Amministrazione impegnata sul futuro della cooperativa"

La vice sindaca di Carrara Roberta Crudeli respinge le accuse di disinteresse lanciate da Tozzi. Oggi confronto con Confcooperative. "La crisi si trascina da anni. Si poteva fare di più".

Incontro per salvare La Rocca: "Amministrazione impegnata sul futuro della cooperativa"
Incontro per salvare La Rocca: "Amministrazione impegnata sul futuro della cooperativa"

"La cooperativa La Rocca non è mai stata lasciata sola". Lo assicura la vice sindaca di Carrara Roberta Crudeli che annuncia un nuovo tavolo convocato per oggi. Crudeli risponde così alle accuse di Pier Angelo Tozzi, componente del cda della cooperativa La Rocca. "Mi stupiscono e mi lasciano amareggiata le parole di Pier Angelo Tozzi: i suoi sembrano a tutti gli effetti solo attacchi strumentali – dice Crudeli –. Come ben sa lo stesso Tozzi. Di incontri e di tavoli sulla vicenda de La Rocca questa amministrazione ne ha già convocati diversi in questi mesi, incontri a cui assieme a me hanno partecipato anche l’assessore Carlo Orlandi e, in alcune occasioni, anche la sindaca". Roberta Crudeli ricorda anche la riunione con Confcooperative per cercare di trovare una strada che garantisca continuità al lavoro de La Rocca e una seconda riunione è in programma oggi.

"Tozzi ha poi sicuramente ragione – continua – quando parla di ‘intuizione lungimirante’ riguardo alla nascita, 40 anni fa, della cooperativa, una realtà la cui storia conosco personalmente molto bene al pari di quella di Anffas visto che ho avuto l’onore di conoscere di persona chi ha fondato entrambe queste realtà: Elis Baratta. Quello che però proprio Tozzi si dimentica di dire è che la crisi che ha investito La Rocca non è nata certo oggi, ma si trascina da anni, anni in cui, probabilmente, chi è stato chiamato ad amministrare la coop avrebbe potuto fare di più o, quantomeno, avrebbe potuto muoversi per tempo, senza aspettare che le cose precipitassero". E, ribadendo massimi interesse e attenzione dell’amministrazione comunale per La Rocca e i suoi lavoratori, comunica le rassicurazioni ricevute da Anffas dopo un confronto: l’associazione è pronta a rendere partecipi a nuovi progetti di vita i i tre ragazzi ancora impiegati a La Rocca .