La cerimonia all'ospedale di Massa
La cerimonia all'ospedale di Massa

Massa, 6 marzo 2019 – L’iniziativa di solidarietà di Conad del Tirreno "Con tutto il cuore", lanciata lo scorso Natale, grazie alla grandissima partecipazione e adesione dei clienti, ha permesso di raccogliere 285mila euro. La risposta dei clienti di Conad del Tirreno è andata al di là delle più rosee aspettative permettendo di donare una cifra veramente alta che consente alla Fondazione Toscana Gabriele Monasterio di acquistare una innovativa e fondamentale apparecchiatura per l’ossigenazione extracorporea del sangue (Ecmo) e inoltre di realizzare all’interno dell’Ospedale del Cuore una vera e propria “shock room” dotata di tutte le apparecchiature necessarie per un rapidissimo intervento con impianto di Ecmo per vere e proprie emergenze.

La consegna del ricavato

La nuova apparecchiatura rappresenta il centro vitale di un servizio capace di assicurare l’efficace trattamento di gravissime insufficienze cardio-respiratorie e a cui concorre anche la Regione con uno stanziamento di fondi. Prenderà così corpo quello che fino a poco tempo fa era solo un sogno: garantire un servizio – oggi non esistente in maniera strutturata – per tutti quei bambini in shock cardiogeno o gravissima insufficienza respiratoria che altrimenti avrebbero poche speranze di sopravvivere. Tutto ciò grazie all’Ecmo Team mobile dell’Ospedale del Cuore di Massa, disponibile 24 ore su 24, che raggiungerà in tempi brevi in tutta la Toscana (e in prospettiva anche oltre) il piccolo paziente assicurando in loco questo trattamento salvavita, ancor prima del trasferimento all’Ospedale del Cuore.

La consegna della cifra raccolta è stata effettuata stamattina nella sala della direzione dello stabilimento ospedaliero di Massa alla presenza del direttore generale della Fondazione Monasterio che gestisce l’Ospedale del Cuore di Massa, Luciano Ciucci, del direttore amministrativo Marco Torre, del coordinatore sanitario dell’ospedale e primario di anestesia e rianimazione Paolo Del Sarto, del presidente di Conad del Tirreno Valter Geri, del socio e consigliere Conad del Tirreno Andrea Musso e di altri soci Conad del territorio.

Nelle attività in campo sociale promosse e portate avanti da Conad del Tirreno e dai suoi soci ha un posto di riguardo la solidarietà, finalizzata a sostenere in modo concreto i progetti che più stanno a cuore alle comunità locali. Tanto che l’iniziativa Con tutto il cuore, attivata in tutti i punti vendita di Toscana, La Spezia e provincia, Sardegna e Lazio – con un piccolo contributo di 1,50 euro di cui 50 centesimi destinati a sostenere progetti solidali per i tre ospedali pediatrici di Lazio, Sardegna e Toscana, era possibile ritirare uno dei dodici peluche Amici di Trudi – è tra quelle più apprezzate dai clienti. Si rinnova il sodalizio con tre strutture ospedaliere di eccellenza, finalizzato all’acquisto di attrezzature medicali per la diagnosi, terapia e cura di alcune malattie e il potenziamento di servizi dedicati ai pazienti: oltre alla Fondazione Gabriele Monasterio in Toscana, l’iniziativa riguarda il Bambino Gesù di Roma e il Centro di cardiologia pediatrica e delle cardiopatie congenite dell’ospedale Brotzu in Sardegna.

Una solidarietà molto sentita e condivisa dai clienti Conad, che in cinque edizioni ha consentito di donare complessivamente oltre un milione e mezzo di euro. "Siamo rimasti da subito colpiti dall’entusiasmo con cui da subito Conad ha sposato il nostro progetto. Un entusiasmo che evidentemente Conad ha saputo trasferire a tutta l’organizzazione e ai clienti, visti i risultati raggiunti", commenta il direttore generale della Fondazione Monasterio Luciano Ciucci. "Ci fa piacere sottolineare che, grazie a quanto ricavato con l’iniziativa di Conad Con tutto il cuore, non solo sarà possibile acquisire l’apparecchiatura per l’Ecmo Team, ma anche realizzare, all’interno dell’Ospedale del Cuore una vera e propria “shock room” dotata di tutte le apparecchiature necessarie per un rapidissimo intervento con impianto di Ecmo per i pazienti, pediatrici e adulti, che dovessero giungere in ospedale in condizioni gravissime, o per le emergenze e gli arresti che dovessero verificarsi nella struttura. Da questo punto di vista contiamo anche di realizzare un ulteriore progetto in collaborazione con la Centrale del 118 per i pazienti colpiti da arresto, in modo da consentire di giungere nel nostro centro nei tempi più rapidi e nelle migliori condizioni possibili. E’ chiaro che la presenza di una sala completamente attrezzata, pronta all’uso, comporta la possibilità di un intervento con l’Ecmo in tempi rapidissimi e, come è noto, in queste situazione il tempo è vita".

"E’ motivo di orgoglio la risposta che hanno dato i nostri clienti in Toscana", annota il presidente di Conad del Tirreno Valter Geri. "Di orgoglio perché indirizzata ad una struttura ospedaliera che è un’eccellenza non solo nella nostra regione e perché contribuiremo a far stare meglio tanti bambini aiutando medici e infermieri nel loro delicato lavoro quotidiano. Ringrazio, perciò, tutti coloro che hanno reso possibile questa donazione, segno del profondo legame che ci lega a tanti territori e comunità toscane. Donare è un atto di civiltà e generosità: restituire il sorriso a questi piccoli pazienti è per noi un incentivo a fare ancora di più, ancora meglio".

La Fondazione Toscana Gabriele Monasterio è un presidio ospedaliero di alta specializzazione in ambito cardiovascolare e pneumologico: nei due ospedali di Massa (Ospedale del Cuore in via Aurelia Sud) e Pisa (Area della ricerca Cnr) eroga prestazioni specialistiche pediatriche e per adulti in cardiologia, emodinamica e cardiochirurgia, nonché – solamente per pazienti adulti - attività di pneumologia e per il trattamento delle malattie metaboliche. Di particolare rilievo i risultati conseguiti nel trattamento dello scompenso cardiaco congestizio e nel trattamento chirurgico ed interventistico delle cardiopatie congenite ed acquisite, che pongono la Fondazione tra i centri leader in Italia in termini di utilizzo di tecnologie e tecniche particolarmente avanzate: chirurgia cardiaca “senza sangue”, che dà risposte anche a motivazioni di carattere etico e religioso, cardiochirurgia con tecniche di “mini-invasiva”, interventistica cardiologica strutturale ibrida, ecc. I risultati clinici sono di assoluta eccellenza, facendo della Fondazione un riferimento ormai non solo italiano. Di rilievo le attività di innovazione e ricerca in ambito biomedicale, svolte anche in collaborazione con il Cnr, Università, partner nazionali ed esteri. Conad del Tirreno è una delle sette cooperative tra imprenditori dettaglianti indipendenti associate a Conad. Opera in Toscana (compresa La Spezia), Sardegna, Lazio e ha sede a Pistoia. Associa 213 imprenditori – di cui 122 in Toscana, e provincia di La Spezia, 38 nel Lazio e 53 in Sardegna – con 342 punti di vendita che, nel 2017, hanno sviluppato un fatturato di 2,5 miliardi di euro. Gli occupati sono complessivamente 10 mila. Nel 2017 Conad del Tirreno ha investito oltre 3 milioni di euro in contributi e sostegno a numerose iniziative sociali.