Aulla (Massa Carrara), 8 aprile 2020 - E' crollato il ponte di Albiano Magra, un'infrastruttura famosa per le polemiche degli ultimi mesi, dopo che gli automobilisti avevano notato una serie di crepe. E' accaduto tutto nella mattina di mercoledì 8 aprile. Il ponte, che attraversa il fiume Magra, si trova al confine tra Liguria e Toscana, nel territorio comunale di Aulla di cui Albiano Magra è frazione. VIDEO (clicca qui)

false

Ci sarebbe stato un forte boato e poi le campate del ponte sono finite giù. Nel crollo sono rimasti coinvolti due furgoni, uno della Tim e l'altro del corriere espresso Bartolini, che però sono rimasti comunque sopra la carreggiata collassata.

Poteva essere una strage, evitata solo dal fatto che a causa dell'emergenza sanitaria la circolazione dei veicoli è molto ridotta. Uno dei conducenti è rimasto illeso, sebbene in forte stato di choc, e si sarebbe messo in salvo da solo fuggendo dall'abitacolo, mentre l'altro autista è rimasto ferito ed è stato ricoverato in ospedale a Pisa ma non sarebbe in pericolo di vita. Ha scritto un post su Facebook: "Ho una frattura a una vertebra"L'inquietante filo rosso da Genova a Savona (Leggi l'articolo di Emanuela Rosi)

false

Sul posto questa mattina è corsa tra gli altri, il sindaco di Santo Stefano, Paola Sisti: "Sono stata forse tra le prime a saperlo perché mi ha chiamato una mia amica che abita nei pressi del ponte. Alla fine è emerso che vi è solo una persona coinvolta, ferita ma non in pericolo di vita". "Il traffico si è ridotto fortemente e questo è stato un bene - dice Sisti - perché altrimenti sarebbe stata una strage". Il ponte fu realizzato nel 1908 (LEGGI L'ARTICOLO)

"E' un confine molto prossimo e siamo coinvolti, per solidarietà e anche per opportunità: si tratta di un collegamento importante per noi e per tutta la Lunigiana" ha detto il sindaco. "Il ponte e' come collassato su se stesso", racconta invece il sindaco di Aulla, Roberto Valettini, durante il sopralluogo effettuato poco dopo il crollo. A seguito del crollo si è registrata anche una fuga di gas.

"Il servizio di Pronto Intervento - spiegano da Italgas - è tempestivamente accorso e ha bloccato la fuoriuscita". "Al momento l'interruzione del servizio interessa soltanto la frazione di Caprigliola, per complessivi 500 clienti circa, per la quale sono in corso valutazioni per ripristinare le forniture attraverso l'ausilio di carri bombolai".

Aperta un'inchiesta, ponte sequestrato. Indaga anche il Ministero

Sono i carabinieri del comando provinciale di Massa Carrara a condurre gli accertamenti sul crollo del ponte. I militari dell'Arma sono coordinati dalla Procura della Repubblica di Massa, che ha aperto un fascicolo di indagine per ricostruire le cause del collassamento del viadotto. L'inchesta è seguita dal sostituto procuratore di turno, Alessandra Conforti. La prima ipotesi di reato è disastro colposo. L'area interessata dal crollo è stata sottoposta a sequestro su disposizione del pm.

Commissione d'inchiesta di Anas

Anas ha avviato una commissione di indagine per accertare la dinamica e le cause del crollo. "La costruzione del ponte - si legge in un comunicato - costituito da una serie di cinque arcate in calcestruzzo con lunghezza complessiva di 258 metri, risale all’anno 1908. Fu ricostruito nel secondo dopo guerra; l’opera, unitamente a tutta l’arteria, è entrata in gestione ad Anas a novembre del 2018, a seguito dell’emanazione del DPCM 20 febbraio 2018, recante una revisione complessiva della rete stradale di interesse nazionale e della rete stradale di interesse regionale, in particolare quella toscana. L’infrastruttura era, fino a tale data, gestita dalla Provincia di Massa e Carrara. A partire dal 2019, il ponte è stato oggetto di sopralluoghi e verifiche periodiche, anche
rispetto a segnalazioni degli enti locali, che non hanno evidenziato criticità. Allo stato non è possibile ipotizzare le cause del crollo improvviso dell’intera struttura.

Gli abitanti 

"Un boato e poi un suono come di rotolamento di massi". E' quanto raccontano di aver sentito alcuni abitanti del paese di Caprigliola, che si affaccia lungo la via Nazionale, vicino al ponte. Nei dintorni, sempre secondo le testimonianze dei residenti della zona, si è anche sentito un forte odore di gas. Questo, come spiegato poi da Italgas, è stata la conseguenza della rottura di una condotta causata dal cedimento del ponte. Dalle immagini che fotografano dall'alto il ponte sembra che si sia "afflosciato" su se stesso; crollando nella sua prima parte il ponte ha poi formato delle onde di cemento lungo tutto il suo percorso e fino all'estremo opposto.

IL VIDEO: IL PONTE CROLLATO VISTO DALL'ELICOTTERO DEI VIGILI DEL FUOCO (clicca qui)

Il ponte è collassato su sé stesso intorno alle 10.30. I vigili del fuoco fanno sapere su Twitter di stare operando "anche con squadre Usar ed elicottero per verificare la presenza di auto coinvolte".

Uno dei due furgoni appartiene a una compagnia telefonica. Il mezzo transitava mentre il ponte crollava ed è finito giù. Il guidatore è uscito da solo ed è riuscito a mettersi in salvo seppur in stato di forte choc  L'altro furgone, il cui autista è rimasto ferito, appartiene a una ditta di spedizioni. 

 Immediato l'allarme e l'arrivo di vigili del fuoco, 118, forze dell'ordine. Paura tra la gente, in tantissimi si sono subito riversati nei pressi del ponte. Le persone del posto parlano anche di un forte odore di gas. Il ponte collega la bassa Val di Vara con la Val di Magra (La Spezia). In particolare, il ponte collega la località Caprigliola con Albiano Magra.

image

Ad agosto 2019 la lettera del sindaco a Anas

Il sindaco di Aulla scrisse nell'agosto del 2019 ad Anas parlando dei problemi del ponte, chiedendo verifiche. Fu un allarme sostanzialmente ignorato - LEGGI L'ARTICOLO

I VIDEO DEL DISASTRO (clicca qui)

Il precedente: la crepa di novembre

Lo scorso novembre, durante un'ondata di maltempo, si era formata una vistosa crepa che era stata rattoppata suscitando molte polemiche sul web. Dopo il sopralluogo dei tecnici Anas fu dato il via libera alla circolazione senza limiti al traffico.

Enrico Rossi: "Infrastrutture in disfacimento, Anas ricostruisca in tempi ristretti"

Il presidente della regione Toscana Enrico Rossi chiede che Anas "ricostruisca in tempi ristretti" e invoca poteri speciali dal Governo oltre a una "cura da cavallo" per le infrastrutture, definite "in disfacimento". Qui l'articolo

La ministra delle infrastrutture Paola De Micheli chiede una relazione ad Anas

La ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, sta seguendo la vicenda riguardante il crollo del ponte sul fiume Magra ha chiesto "immediatamente una dettagliata relazione ad Anas, la società che nel 2018 è diventata gestore dell'ex strada provinciale 70, acquisendo la gestione dalla Provincia di Massa Carrara". De Micheli ha anche contattato il sindaco del Comune, Roberto Valettini "per accertarsi delle condizioni di salute della persona coinvolta che, stando alle prime informazioni, sembra avere riportato lievi ferite". Gli accertamenti sono in corso e Anas, su richiesta del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, provvedera' a fornire tutte le informazioni conseguenti sulla viabilita'.