Via Romana Ovest a Porcari: protestano i residenti perché le auto sfrecciano a notevole velocità minando, a loro dire, la sicurezza di pedoni e ciclisti. Sui social si invocano le telecamere, dossi ravvicinati, oppure altre forme di protezione che possano assicurare e garantire coloro che si avventurano su quell’arteria...

Via Romana Ovest a Porcari: protestano i residenti perché le auto sfrecciano a notevole velocità minando, a loro dire, la sicurezza di pedoni e ciclisti.

Sui social si invocano le telecamere, dossi ravvicinati, oppure altre forme di protezione che possano assicurare e garantire coloro che si avventurano su quell’arteria spesso trafficata. I cittadini lamentano il passaggio di veicoli che per la velocità fanno tremare i muri delle abitazioni. Anche in località Pineta è lo stesso discorso. Gli abitanti scrivono sul blog "Sei porcarese se…" che spesso gli automobilisti utilizzano i dissuasori per testare l’impianto frenante, in quanto frenano tipo staccate da Formula Uno, salvo poi riaccelerare subito dopo.

Qualcuno sostiene che, ad esempio, in via Diaccio in prossimità stadio, c’erano gli ostacoli artificiali per rallentare la velocità, ma poi dopo aver rifatto l’asfalto, sono spariti. C’è chi afferma che sulla Romana Ovest non sia possibile installarli e chi propone l’occhio elettronico come deterrente. Ma non l’unico, l’altro mezzo che potrebbe indurre ad alzare il piede dall’acceleratore secondo alcuni è… l’autovelox. Sissignori, la paura della multa come strumento migliore per far rallentare le auto.

Nella frazione di Rughi sono stati installati passaggi pedonali con segnalatori luminosi, ma non sembra che abbiano riscosso particolare successo ed efficacia, in quanto i veicoli a due e quattro ruote passano ancora a tavoletta, o quasi. Il Comune cerca di sensibilizzare la popolazione con Zone a Traffico Limitato temporanee, aree off limits per i mezzi a motore per tre ore, tutte le domeniche. Domenica scorsa in Padule.

Ma. Ste.