Il fotogramma di uno dei video pubblicati sui social venerdì notte
Il fotogramma di uno dei video pubblicati sui social venerdì notte

Lucca, 12 gennaio 2021 - Salgono almeno a quota venti i giovani identificati venerdì sera mentre ballavano in strada, nella zona di Porta dei Borghi, a distanza ravvicinata e con la mascherina abbassata. I loro volti sono stati individuati da carabinieri e polizia municipale che, negli ultimi due giorni, hanno passato al setaccio i video delle telecamere di sorveglianza presenti in zona. Dopo l’identificazione, per loro, scatterà la sanzione di 400 euro per aver violato le norme del Dpcm che impongono il divieto di assembramento, il distanziamento sociale di almeno un metro e l’utilizzo delle mascherine.
L’identificazione è stata possibile anche grazie ai numerosi video amatoriali girati da quanti erano presenti a Porta dei Borghi tra le 19.30 e le 21.30 e poi pubblicati su Facebook e Instagram. Al vaglio però c’è anche la posizione dei titolari di alcuni locali della zona. La polizia municipale sta esaminando i video per capire quanti abbiano effettivamente rispettato l’obbligo di tirare giù il bandone alle 18 e servire d’asporto fino alle 22. E quanti invece si trovino in una zona più borderline. La certezza è che sono stati proprio alcuni dei titolari a chiamare le forze dell’ordine quando la situazion è sembrata fuori controllo.
Non si tratta di un compito facile: l’esame è ancora in corso e si concluderà solo nei prossimi giorni. Venerdì sera il titolare di uno dei bar è stato identificato per il mancato rispetto dell’obbligo e nelle prossime ore potrebbe ricevere la sanzione da 400 euro. Per qualcuno di coloro che venerdì hanno preso parte alla festa improvvisata, le cose potrebbero andare peggio. Entro la fine della settimana, infatti, i residenti di via Roma, potrebbero sporgere denuncia per danneggiamenti nei confronti del giovane, immortalato in un video da un residente, mentre prende a calci il portone di un condominio.
In base a quanto ricostruito dalle forze dell’ordine sarebbe stato proprio il giovane, in compagnia di un altro ragazzo di Pistoia ospite quel giorno a casa sua, ad essersi esibito in strada con amplificatore e chitarra venerdì pomeriggio. Lo stesso amplificatore poi sarebbe stato usato dai due a Porta dei Borghi, poche ore dopo, durante la festa improvvisata. Per entrambi nei giorni scorsi è già scattata l’identificazione e la sanzione di 400 euro. Al momento non ci saranno altre contromisure. Anche se, in base al Dpcm, Palazzo Orsetti potrebbe prevedere il numero chiuso o addirittura la chiusura di piazze e strade considerate a rischio assembramenti. Se la situazione a Porta dei Borghi dovesse verificarsi di nuovo, non è da escludere, che il provvedimento possa essere adottato.
Sul caso di venerdì interviene intanto il Comitato Vivere il Centro Storico che punta il dito contro il Comune. "Questa amministrazione – spiegano – ha trasformato il centro nel Paese dei Balocchi dando loro l’ impressione ai giovani di poter fare quello che vogliono senza limite alcuno. Il divieto di bivacco è stato annullato e quindi le zone intorno ai locali notturni sono diventate zone franche dove tutto è permesso, con rumore fino alle prime ore dell’ alba, rifiuti per la strada, puzzo di vomito e urina. Ci sembra di voler chiudere il cancello – aggiungono – quando i buoi sono scappati. Evitiamo di parlare poi di quei consiglieri di minoranza che facevano parte della commissione che ha redatto il nuovo Regolamento di Polizia Locale e che adesso si permettono di intervenire nelle vesti di moralizzatori".
cla.cap