Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
24 giu 2022

Il Tau dentro il nuovo stadio in tempi brevi

Secondo il fiducioso cronoprogramma, la squadra potrebbe disputare al Comunale già le prime partite del torneo interregionale

24 giu 2022

Gli interventi strutturali allo stadio possono cominciare a breve e se tutto procede nel verso giusto, il Tau Altopascio, promosso in serie D dopo la vittoria storica di Livorno dello scorso 15 maggio, potrà disputare anche le prime partite del torneo Interregionale all’impianto di via Rosselli. Semaforo verde anche dal consiglio comunale. Una notizia fondamentale visto che le modifiche da fare sono molte. L’idea era che tra progetti e gare d’appalto e la solita burocrazia, i tempi potessero dilatare, considerando anche il mese di agosto di mezzo. Invece la trafila è abbreviata al massimo. Il motivo? Lo spiegano il presidente Del club amaranto Antonello Semplicioni (in foto con la sindaca D’Ambrosio) e Samuele Pierantoni, responsabile marketing.

"Il nodo cruciale è l’aver vinto il bando "Sport e periferie", il fondo istituito dal Governo per realizzare interventi edilizi per l’impiantistica sportiva, volti, in particolare, al recupero e alla riqualificazione degli impianti esistenti, e individua come finalità il potenziamento dell’agonismo, lo sviluppo della relativa cultura, la rimozione degli squilibri economico-sociali e l’incremento della sicurezza urbana. Nello specifico, tradotto sulla struttura altopascese, gli interventi riguarderanno l’adeguamento del campo da gioco e il rifacimento di tutta la recinzione, oltre al riefficentamento energetico e alla ristrutturazione degli spogliatoi. Vinto anche un bando sull’inclusione. Grazie a tutto ciò, definiti gli ultimi dettagli, i lavori possono partire a breve. Con la tempistica dovremmo chiuderli per fine agosto. Quindi il cronoprogramma si sposa con l’avvio della stagione agonistica. Sperando che tutto fili liscio. In ogni caso – concludono i due dirigenti – abbiamo pensato allo stadio di Ghivizzano, dove si esibisce il Ghiviborgo, adatto alla D al contrario di Porcari, dove le dimensioni del terreno di gioco non consentirebbero di svolgere gare del Nazionale Dilettanti".

Il board societario è fiducioso. Il vecchio Comunale avrà bisogno di un maquillage intenso: dovrà essere ritoccato e verrà sostituita completamente l’erba sintetica, con un materiale di ultimissima generazione. Già previste le entrate e le uscite per le tifoserie ospiti, si ristruttureranno gli spogliatoi, con una serie di normative previste dalla Federazione, i cui esponenti hanno già eseguito un sopralluogo. Insomma, c’è ottimismo verso una stagione da sogno.

Massimo Stefanini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?