Valerio Chiesa con il tortello d'oro (Foto Novi)
Valerio Chiesa con il tortello d'oro (Foto Novi)

Livorno, 29 novembre 2016 - Una città di origini popolari. Che ha fatto del cibo povero una sua bandiera. Livorno è conosciuta per il cacciucco e la torta di ceci, leccornie che si cucinano con pochi ingredienti e soprattutto poco costosi. Una tendenza che adesso si inverte. Visto che parte proprio da Livorno l'idea di un tortello super-lusso, destinato ai ricchi degli Emirati e dei casino del Principato di Monaco.

Un tortello che è stato creato da Valerio Chiesa, titolare dell'omonimo pastificio al mercato centrale, un luogo che della genuinità del cibo ha fatto un marchio di fabbrica. Il pastificio è un'istituzione da molti anni in città. In questi anni ha sviluppato idee e progetti. Ma il tortello d'oro è qualcosa di nuovo, che non esisteva nella realtà dei pastifici italiani. Per ottenere l'effetto dorato, che non passa neanche dopo la cottura, è stato usato anche lo zafferano. Il tutto viene rivestito con l'oro alimentare a 23 carati, per dare l'effetto finale. Valerio Chiesa è ovviamente molto orgoglioso del suo tortello.

Che in queste settimane presenterà a Dubai e nel Principato di Monaco. Un modo per conquistare il mercato del super-lusso. Non solo yacht insomma o auto costose: i ricchi vogliono il meglio anche quando si parla di pasta italiana. E abbinare l'oro a un piatto tipicamente tricolore piacerà sicuramente a chi ha il conto in banca a molti zeri. Il tortello, chiamato "The King Gold", avrà un ripieno di ingredienti selezionati, come il tartufo. Per cui il prezzo a tortello potrà lievitare. Ma il pastificio è pronto a preservare il prezioso prodotto. Anche il packaging e la spedizione nei Paesi che chiederanno il tortello d'oro è stata studiata con estrema cura. Per far sì che la pasta arrivi a destinazione perfettamente integra. 

Chiesa negli anni ha accontentato il palato di molti vip. La sua pasta è conosciuta e molti clienti abituali arrivano anche da fuori Livorno. Uno degli incontri più significativi di Valerio Chiesa è stato quello con Papa Francesco in piazza San Pietro. Livorno dunque è pronta a conquistare il mondo con un nuovo piatto: il tortello d'oro. Che non potrà mai scalzare il cacciucco e la torta di ceci, ma che farà parlare della città in tanti palazzi del potere.