Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
28 gen 2016

Parà ucciso sulla scogliera 20 anni fa: al setaccio il Dna di seicento militari

Accertamenti su tutti coloro che lavorarono con la vittima

28 gen 2016
featured image
Il parà della Folgore Marco Mandolini
featured image
Il parà della Folgore Marco Mandolini

Livorno, 28 gennaio 2016 - SONO CIRCA seicento. E nel 1995, oltre vent’anni fa, erano soltanto dei ragazzi. Militari di leva che avevano scelto di indossare il basco amaranto e la divisa della brigata paracadutisti Folgore. Seicento ex ragazzi oggi al centro degli accertamenti della Procura che sta ancora lavorando su un giallo. Il giallo della Scogliera del Romito, a Livorno, dove il 13 giugno 1995 fu ucciso il maresciallo Marco Mandolini, originario di Castelfidardo (Ancona). Aveva 34 anni, ed era un incursore del Col Moschin, uno dei fiori all’occhiello della Brigata Folgore. Nella missione in Somalia, Mandolini – militare esperto e coraggioso – era stato caposcorta del generale Bruno Loi. QUEL maledetto 13 giugno fu ucciso in un agguato: qualcuno lo massacrò utilizzando un masso da 25 chili. Qualcuno – fu la pista seguita subito dopo l’omicidio – che aveva un appuntamento con l’incursore e che conosceva bene.

Marco Mandolini non avrebbe mai voltato le spalle ad uno sconosciuto. Il giallo della Scogliera rimasto insoluto per vent’anni ora è al centro di indagini scrupolose che hanno permesso, con le nuove tecniche investigative, di isolare un Dna che potrebbe essere quello dell’omicida. Indagini ad ampio spettro che il comando provinciale dei carabinieri di Livorno sta svolgendo in rigoroso riserbo, diretto dal pm Arianna Ciavattini. Si stanno svolgendo esami sui militari di leva delle caserme della Folgore in Toscana che in qualche modo possono aver conosciuto Marco Mandolini. La comparazione del Dna potrebbe essere la chiave di volta, ma anche solo una testimonianza potrebbe fornire elementi utili per arrivare ad individuare l’assassino del militare. Molteplici le piste che si stanno analizzando, dal delitto passionale al movente economico, alla pista dell’uranio impoverito oppure ad altre vicende misteriose delle quali il militare sarebbe venuto a conoscenza. DALLE nuove indagini è emerso che quel sangue isolato dagli esperti appartiene ad una persona sana che non aveva malattie particolari. Proprio quella di possibili problemi di salute del Mandolini, era una delle illazioni che erano circolate nell’ambiente subito dopo l’omicidio.

«Questo particolare – spiegano gli investigatori – ha allargato l’ambito degli accertamenti». Anche per questo gli inquirenti hanno deciso di individuare gli ex militari di leva e di sottopporre agli accertamenti quelli che conoscevano Mandolini. Il cold case della Scogliera potrebbe avere sviluppi clamorosi. E ancora una volta il fratello Francesco, lancia un appello: «Chi sa, vada in Procura. La nostra battaglia non si fermerà fino a quando non sapremo il nome di chi ha distrutto per sempre la serenità della nostra famiglia».

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?