Spezia-Trapani (foto LaPresse)
Spezia-Trapani (foto LaPresse)

La Spezia, 18 febbraio 2017 – Non ci concretizza il quarto successo consecutivo per lo Spezia che va in vantaggio per 2-0, ma si fa rimontare dal Trapani al Picco sul 2-2. Dopo 10 minuti i siciliani sono già sotto di due reti, ma con un gol nella parte finale del primo tempo e il sigillo allo scadere dei 90’ regolamentari, riescono a ristabilire la parità.

Prima del via, come previsto viene osservato un minuto di silenzio per commemorare le quattro vittime di Gressoney; tra i quattro alpinisti anche la madre del calciatore della Primavera, Luca Cecchetti. Era poi programmato che gli aquilotti portassero il lutto al braccio, ma a loro, hanno scelto di unirsi anche i giocatori siciliani.

Sul fronte della formazione iniziale, come anticipato, Vignali prende il posto di De Col sulla fascia destra della difesa mentre davanti a sé avrà Sciaudone e non Maggiore; confermato il tridente Piccolo-Granoche-Fabbrini. Alessandro Calori, invece, che fa i conti con la squalifica di Fazio, preferisce Casasola a Legittimo come terzo centrale di destra, Nizzetto a Canotto esterno destro di centrocampo e Manconi, arrivato nel mercato di gennaio, invece di Coronado, accanto all’attaccante Citro.

La partita s’infiamma già in avvio. Sul retropassaggio di Casasola, scivola il centrale Kresic e così ne approfitta subito Granoche che si porta avanti il pallone e con un delizioso pallonetto di destro supera Pigliacelli in uscita. Sono passati soltanto venti secondi.

Poi, dopo 3 minuti, protesta  Granoche per un contatto in area con Barillà, ma l’arbitro fa proseguire e il bel contropiede sfuma. Il raddoppio arriva comunque poco prima che scocchi il decimo minuto: il tiro-cross da fuori di Migliore finisce tra i piedi di Granoche in area e l’uruguayano non perde un secondo, controlla con il destro e fulmina Pigliacelli al ‘sette’ sulla sua destra. È il 2-0. Si fanno vedere anche gli ospiti, ma il tiro dal limite di Citro si perde in Curva Ferrovia.

Al 35’ il Trapani accorcia, in una situazione che trova la difesa aquilotta impreparata: Citro innesca Barillà sulla sinistra in area, il quale cede basso al centro dove l’avanzato Casasola, con il piatto destro, centra la porta di Chichizola impegnato in un disperato tentativo di salvataggio con i piedi. È il 2-1.

Dopo due minuti, il tiro a girare di Maracchi non va distante dallo specchio dei pali spezzini, facendo preoccupare non poco i tifosi di casa.

Dopo l’intervallo si riprende con gli stessi ventidue in campo nel secondo tempo e al 5’ lo Spezia è pericoloso con Sciaudone, che scambia con Piccolo in area e scarica il destro sul quale Pigliacelli è attento centralmente. Il pareggio lo sfiora il Trapani al 20’ quando il nuovo entrato Jallow chiama al miracolo Chichzola che risponde deviando in angolo, toccando prima contro la traversa, il pallone destinato all’incrocio dei pali. Il retropassaggio del 22’ poteva costare caro allo Spezia, ma per fortuna Valentini chiude il tiro di Manconi che si era inserito: sul successivo angolo, il tiro-cross di Pagliarulo, trova la deviazione di Granoche vicino alla riga. Il tiro di Jallow da una trentina di metri va non molto alto al  32’.

Momenti di tensione intorno al 35’ quando Casasola colpisce Fabbrini dopo un fallo subìto da quest’ultimo, ma la reazione successiva dell’aquilotto costa l’espulsione ad entrambi. In dieci contro dieci sono ancora gli ospiti a premere e dopo i vari cambi, è il Trapani ad andare a segno al 45’: il pareggio lo segna Pagliarulo deviando un pallone a centro area, su servizio di Colombatto dalla destra dopo un corner corto. È il 2-2.

Nessuna emozione nei minuti di recupero e Spezia che continua la sua serie positiva di imbattibilità, ma non con un poker di vittorie.

GRANOCHE - Con la doppietta di oggi Pablo Granoche supera i cento gol in Serie B. "Avrei preferito festeggiarli con una vittoria - dice - perché oggi torniamo a casa delusi e con l'amaro in bocca; guardiamo comunque il bicchiere mezzo pieno, abbiamo portato a casa dieci punti nelle ultime quattro partite, pertanto alziamo la testa e guardiamo avanti, a testa alta verso la prossima battaglia. Non so se si tratti del gol più veloce della mia carriera, se la gioca con uno che segnai a Modena, ma quello che conta è che la vittoria è sfumata e siamo qui a parlare di un pareggio; solo il tempo ci dirà se si tratta di un punto perso o di un punto guadagnato. Bisogna essere più bravi a gestire la gara quando ci troviamo in vantaggio, non dobbiamo mai abbassare la concentrazione, in Serie B qualsiasi avversario è capace di metterti sotto se si abbassano i ritmi ed oggi, dopo il doppio vantaggio, avremmo dovuto fare meglio. In campo ci sono anche gli avversari, nella ripresa hanno alzato i ritmi e noi non siamo stati bravi a chiudere bene gli spazi, pagando a caro prezzo una palla inattiva arrivata allo scadere".

Spezia-Trapani 2-2 (pt 2-1)

SPEZIA (4-3-3): Chichizola; Vignali (24’ st De Col), N. Valentini, Terzi, Migliore; Sciaudone, Errasti, Djokovic (29’ st Pulzetti); Piccolo (40’ st Piu), Granoche, Fabbrini. A disp. A. Valentini, Ceccaroni, Baez, Datkovic, Maggiore, Mastinu. All. Di Carlo.

TRAPANI (4-1-3-2): Pigliacelli; Casasola, Kresic, Pagliarulo, Rizzato (41’ st Curiale); Colombatto; Maracchi, Nizzetto (15’ st Jallow), Barillà; Manconi, Citro (29’ st Coronado). A disp. Guerrieri, Legittimo, Ciaramitaro, Visconti, Raffaello, Canotto. All. Calori.

Arbitro: Piccinini di Forlì (assistenti Margani di Latina e Villa di Rimini; quarto uomo Miele di Torino).

Marcatori: 1’ pt e 10’ pt  Granoche (S), 35’ pt Casasola (T); 45’ st Pagliarulo (T).

Note: spettatori paganti 1.200, per un incasso di 10.189,60 euro; abbonati 5.730 (quota di 29.818 euro). Espulsi Casasola (T) e Fabbrini (S) per comportamento non regolamentare. Ammoniti Granoche, Pagliarulo, Manconi. Tiri in porta 4-2. Tiri fuori 1-5. In fuorigioco 3-2. Angoli 5-8. Recuperi 1’ pt e 4’ st.