Troppi ritardi, appalto ko. Lavori al palo nella scuola

Alla Pianta il Comune risolve il contratto dopo i ripetuti stop del cantiere. Palestra ancora da ultimare. Cimino: "Le opere ripartiranno al più presto".

Troppi ritardi, appalto ko. Lavori al palo nella scuola

Troppi ritardi, appalto ko. Lavori al palo nella scuola

L’impresa non riesce a portare avanti i lavori, e il Comune è costretto a stracciare il contratto d’appalto. È bloccato ormai da mesi, in via Sardegna, il cantiere che da oltre due anni interessa il plesso della scuola primaria della Pianta. Nei giorni scorsi, Palazzo civico ha risolto il contratto che lo legava all’impresa che, nell’estate del 2021, aveva vinto l’appalto per la realizzazione dell’adeguamento sismico e del cappotto termico dei due edifici scolastici. Un appalto da oltre un milione di euro – aggiudicato per 860.003,45 euro oltre Iva – che però non ha visto la conclusione a causa delle difficoltà dell’azienda: se i lavori possono dirsi conclusi per ciò che riguarda l’edificio che ospita le aule e gli uffici, non si può dire lo stesso della palestra, che attende ancora la ricostruzione delle mura perimetrali, l’installazione del cappotto termico e la sistemazione delle opere interne. Un ritardo importante, quello accumulato dall’impresa, come si evice dagli atti comunali: già lo scorso anno, per due volte, gli uffici hanno concesso proroghe. Pochi giorni fa, la decisione del Comune di risolvere il contratto alla luce del fatto che l’azienda, già in ritardo rispetto al termine contrattuale stabilito per la fine dei lavori – inizialmente prevista nell’estate 2022 –, si è detta non più in grado di riavviare il cantiere, tanto da non poter indicare neppure una data per la ripresa dei lavori. Palazzo civico, nel risolvere il contratto, ha in parallelo avviato le pratiche per quantificare, lo stato di consistenza dei lavori già eseguiti, l’inventario dei materiali, macchine e mezzi d’opera , così da meglio definire l’aspetto economico della vicenda e stabilire il da farsi per la ripresa del cantiere. "In passato l’azienda ha avuto una serie di rallentamenti che sono stati sanzionati, sono state applicate penali per alcune inadempienze – afferma l’assessore ai lavori pubblici, Pietro Antonio Cimino –. La ditta ha tentato di riprendere i lavori, ma si è trovata in difficoltà e quando ci ha detto che non era in grado di terminare, abbiamo rescisso. Rimane da ultimare la palestra, nel frattempo i bambini della primaria continueranno a utilizzare il Palamariotti. Stiamo quantificando il valore dei lavori mancanti: a seconda dei casi, procederemo o attraverso lo scorrimento della graduatoria di gara, oppure per affidamento diretto".

Matteo Marcello