Giro di vite sui venditori abusivi. Estate sicura anche dalle fregature

Il Ministero ha concesso ai Comuni di Ameglia, Framura e Riomaggiore un finanziamento per intervenire

Giro di vite sui venditori  abusivi. Estate sicura anche dalle fregature

Giro di vite sui venditori abusivi. Estate sicura anche dalle fregature

Non soltanto venditori abusivi di merce spesso contraffatta ma anche massaggiatori e persino tatuatori a disposizione dei bagnanti sotto l’ombrellone. Insomma sulle spiagge del nostro litorale non manca proprio nulla. Ma ovviamente determinati servizi e prestazioni sono privi delle regolari autorizzazioni. I Comuni di Ameglia, Framura e Riomaggiore hanno ottenuto l’approvazione dei progetti presentati al Ministero dell’interno nell’ambito dell’iniziativa "Spiagge Sicure" finalizzati espressamente alla prevenzione e al contrasto dell’abusivismo commerciale e della vendita di prodotti "taroccati". Ogni singola amministrazione ha ottenuto un contributo di 30 mila euro da utilizzare nel triennio 2024-26 nell’impiego di personale della polizia municipale, realizzazione di apposita cartellonistica di divieto scritti in più lingue e di informazione dell’utenza oltre all’implementazione degli impianti di videosorveglianza.

Il progetto "Spiagge Sicure 2024" è stato presentato ieri in Prefettura alla presenza del Prefetto Maria Luisa Inversini e i sindaci delle tre amministrazioni comunali beneficiarie del contributo che dovrà essere impiegato esclusivamente per il contrasto dell’abusivismo e della contraffazione. Quindi i Comuni dovranno procedere all’assunzione, anche con contratti a tempo determinato per coprire la stagione estiva, di agenti della polizia locale oppure prevedere e garantire la copertura economica degli eventuali orari di servizio prolungati per svolgere le mansioni di controllo e predisporre una chiara cartellonistica informativa dei divieti e anche pericolo nell’usufruire di massaggi e tatuaggi eseguiti da personale non abilitato che utilizza prodotti non adeguati senza nessuna condizione igienico sanitaria.

"Si tratta di finanziamenti – ha commentato il Prefetto Maria Luisa Inversini – erogati dal Ministero dell’Interno per sostenere i progetti presentati dai Comuni che contribuiscono a rafforzare la sicurezza e la legalità dei territori e delle località balneari, specialmente durante i periodi di grande affluenza turistica al fine di scoraggiare e contrastare tutte le forme di commercio abusivo e della concorrenza sleale. Anche in questo modo infatti si contribuisce a costruire un turismo di maggiore qualità".

Massimo Merluzzi