"A dicembre abbiamo chiesto all’assessore alla Sanità i numeri relativi alla dotazione di personale sanitario dipendent nelle Asl liguri, specificando le unità impiegate nelle strutture territoriali e ospedaliere della regione. E abbiamo chiesto il numero del personale assunto a tempo determinato per l’emergenza legata al Covid-19. I dati emersi hanno rivelato quanto già temevamo: Asl5 è la Cenerentola della Liguria". L’accusa parte dsl consigliere spezzino del M5S in Regione, Paolo Ugolini. "Il confronto con le altre Aziende sanitarie locali è impietoso: al 30 settembre, il personale a tempo indeterminato contava, per La Spezia, 2141 operatori per 215mila abitanti a fronte di 4175 operatori per Savona (282mila abitanti) e 2557 dipendenti sanitari per Imperia (217mila abitanti). Non solo: abbiamo 10 primari in meno rispetto a Savona e sei in meno rispetto a Imperia. E ancora, La Spezia ha 246 medici in meno rispetto all’Asl savonese e quattro in meno rispetto a Imperia, 773 infermieri meno di Savona e 80 meno di Imperia. Siamo la Cenerentola della Liguria anche per quanto concerne il potenziamento del personale per l’emergenza Covid-19.

Dal 2017 al giugno 2020, abbiamo perso l’8% di medici".